28 Set, 2022

Ultimi Articoli

Ocse. L’invasione russa in Ucraina, covid e clima danneggiano i paesi più poveri al mondo

AgenPress – La guerra della Russia contro l’Ucraina, la persistente pandemia di coronavirus e i danni dei cambiamenti climatici stanno esercitando un’intensa pressione sui più poveri del mondo, ha avvertito lunedì l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico.

L’OCSE con sede a Parigi ha riferito che 60 stati, territori e località sono caduti l’anno scorso nella categoria dei “contesti fragili”, il che significa che erano esposti a rischi economici, ambientali, sociali e politici che non avevano la capacità di assorbire. E questo prima che la Russia invadesse l’Ucraina e intensificasse i suoi fardelli.

Il rapporto di lunedì ha indicato il maggior numero di luoghi in tali gravi difficoltà da quando l’OCSE ha iniziato a pubblicare il suo rapporto sugli Stati di fragilità nel 2015. I 60 rappresentano il 24% della popolazione mondiale, il 73% di coloro che vivono in condizioni di estrema povertà, l’80% di coloro che sono morti in conflitti e la stragrande maggioranza dei “punti caldi della fame” del mondo. E ospitano il 95% del record di 274 milioni di persone che secondo le Nazioni Unite hanno bisogno di assistenza umanitaria.

“Siamo in un’era caratterizzata da molteplici crisi, shock e incertezze”, ha affermato l’OCSE.

Solo una persona su tre in luoghi fragili ha ricevuto vaccini contro il COVID, rispetto a tre su quattro nei 38 paesi dell’OCSE relativamente ricchi.

L’organizzazione ha osservato che i 60 stati fragili rappresentano solo il 4% delle emissioni globali, ma “soffrono il peso dei disastri naturali legati al clima.

L’OCSE ha affermato che i cinque paesi più fragili lo scorso anno sono stati Somalia, Sud Sudan, Afghanistan, Yemen e Repubblica Centrafricana. E tre paesi – Benin, Timor Est e Turkmenistan – sono stati aggiunti di recente all’elenco degli stati fragili lo scorso anno; nessuno è stato rimosso.

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere