27 Set, 2022

Ultimi Articoli

Giappone. 4 mln di persone evacuate per il tifone Nanmadol. Venti a 180 km orari, scesi 500 mm di pioggia

AgenPress – Uno dei più grandi tifoni che abbiano mai colpito il Giappone si è abbattuto sull’isola meridionale di Kyushu.

Il tifone Nanmadol ha portato venti di almeno 180 km/h (112 mph) e alcune aree potrebbero vedere 500 mm (20 pollici) di pioggia tra domenica e lunedì.

Ad almeno quattro milioni di persone è stato detto di evacuare le proprie case.

Sono previste ampie inondazioni e smottamenti, mentre i servizi di treni ad alta velocità, traghetti e centinaia di voli sono stati cancellati.

Il tifone ha colpito la città di Kagoshima, all’estremità meridionale del Kyushu.

Kyushu è la più meridionale delle quattro isole che compongono il corpo principale del Giappone e ha una popolazione di oltre 13 milioni di persone.

Le autorità avevano emesso un “allarme speciale” per l’isola, il primo mai messo in atto al di fuori della prefettura di Okinawa, che consiste nelle isole più piccole e remote del Giappone nel Mar Cinese Orientale, riporta il Japan Times .

L’Agenzia meteorologica giapponese ha affermato che Nanmadol porterebbe piogge torrenziali, mareggiate lungo la costa e venti così forti che c’era il rischio che le case potessero crollare.

Un funzionario nella città di Izumi ha detto che le condizioni di domenica pomeriggio si stavano deteriorando rapidamente.

“Il vento è diventato estremamente forte. Anche la pioggia sta cadendo forte. Fuori c’è una totale assenza di visibilità. La visibilità è quasi zero.”

Nei prossimi giorni dovrebbe viaggiare attraverso il Giappone centrale verso Tokyo e mantenere gran parte della sua forza mentre si muove.

Sebbene il tifone, il 14° di questa stagione, si fosse leggermente indebolito entro le 3 del mattino di domenica, c’era ancora la possibilità di raffiche massime di circa 250 chilometri orari. A Yakushima, nella prefettura di Kagoshima, domenica mattina sono state registrate velocità massime del vento fino a 183,24 km/h.

Il primo ministro Fumio Kishida, partecipando a un incontro con ministri e alti funzionari incaricati di rispondere al pericoloso tifone, ha invitato le persone in Giappone a evacuare prontamente se “sentono anche il minimo pericolo”.

Kishida ha anche ordinato ai funzionari di “prendere tutte le misure possibili per garantire la sicurezza e l’incolumità delle persone con un senso di urgenza”.

L’ufficio di gabinetto ha affermato che sette prefetture nella regione del Kyushu hanno deciso di applicare la legge in caso di calamità a tutti i comuni di ciascuna prefettura poiché crescono i timori che Nanmadol possa colpirle.

L’Agenzia meteorologica ha avvertito che la regione del Kyushu potrebbe affrontare un pericolo “senza precedenti” dovuto a forti venti, mareggiate e piogge torrenziali.

“È necessaria la massima cautela”, ha detto sabato Ryuta Kurora, capo dell’unità di previsione dell’agenzia. È un tifone molto pericoloso.”

“Il vento sarà così forte che alcune case potrebbero crollare”, ha detto Kurora ai giornalisti, avvertendo anche di inondazioni e smottamenti.

Finora, 2,9 milioni di residenti a Kyushu hanno ricevuto avvisi di evacuazione, secondo l’Agenzia governativa per la gestione degli incendi e dei disastri, e i funzionari di Kagoshima hanno affermato che oltre 8.500 persone erano già nei rifugi locali entro domenica mattina.

Gli avvisi di evacuazione invitano le persone a trasferirsi in rifugi o alloggi alternativi in ​​grado di resistere a condizioni meteorologiche estreme.

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere