03 Dic, 2022

Ultimi Articoli

Hong Kong. 9 attivisti condannati fino a 4 anni e 4 mesi di carcere per la rivolta di Tsim Sha Tsui del 2019

- Advertisement -

AgenPress – Un tribunale di Hong Kong ha incarcerato nove manifestanti per un massimo di quattro anni e quattro mesi, dopo essere stati condannati per disordini in uno dei principali distretti dello shopping della città durante i disordini contro l’estradizione del 2019.

Il giudice distrettuale Lily Wong venerdì ha condannato nove imputati, di età compresa tra i 17 e i 30 anni, per i disordini a Tsim Sha Tsui l’11 agosto 2019 . Uno degli imputati, il 25enne Law Hon-ming, è stato anche ritenuto colpevole di possesso di munizioni senza licenza dopo essere stato trovato con nove lacrimogeni usati sulla sua persona.

Quel giorno, fino a mille manifestanti si sono radunati illegalmente intorno ad Austin Road e Humphreys Avenue, dove hanno bloccato le strade e l’ingresso della stazione di polizia della divisione di Tsim Sha Tsui, lanciato bombe a benzina e altri oggetti, gridato insulti alla polizia e puntato laser contro la stazione di polizia, ha detto il giudice.

Nel pronunciare le sentenze, Wong ha affermato che la gravità del reato commesso non dovrebbe essere determinata solo dalle azioni degli imputati, ma anche da come hanno “aiutato” il comportamento del gruppo in rivolta. L’imputato nel caso “ha lavorato insieme” ad altri manifestanti per resistere agli agenti di polizia..

Gli imputati “si sono presentati preparati” quando hanno preso parte al raduno illecito, ha detto Wong, indicando il loro abbigliamento tutto nero. Hanno anche portato l’equipaggiamento per la protesta, ha aggiunto il giudice, comprese maschere per il viso, respiratori e filtri, oltre a un set separato di vestiti che la corte ha detto che dovevano cambiarsi dopo essersi uniti alla manifestazione illegale.

Gli imputati Liu Wai-ming, 25, Chong Ka-ho, 27, Wong Chin-po, 24, Lo Hau-Shing, 21, e Poon Koon-hung, 28, hanno ricevuto quattro anni e due mesi di reclusione. Il giudice ha detto che erano tutti adulti quando hanno commesso il reato e quindi condannarli a tempo dietro le sbarre era “l’unica opzione”. Non hanno ricevuto alcuno sconto sulla condanna in quanto si sono dichiarati non colpevoli dell’accusa.

La corte non ha accettato altri motivi di attenuazione, compreso l’impatto di una pena detentiva sulle famiglie degli imputati. Wong ha affermato che gli accusati avrebbero dovuto considerare le conseguenze della loro azione prima di commettere il reato.

In precedenza Wong aveva respinto una richiesta dell’avvocato di Lo, che aveva chiesto alla corte di chiedere un rapporto per valutare se l’imputato fosse idoneo a essere condannato a un centro di detenzione. Il giudice ha affermato che la punizione alternativa non potrebbe riflettere la gravità del reato.

Law, condannato per due capi di imputazione, ha ricevuto quattro anni e quattro mesi di reclusione, il più lungo del gruppo. Il giudice ha accolto la proposta difensiva e ha condannato l’unico imputato minorenne – che all’epoca del reato aveva 14 anni – a un centro di formazione, dove avrebbe trascorso almeno sei mesi in riabilitazione.

 

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere