30 Set, 2022

Ultimi Articoli

Ucraina. Ispettori Aiea verso la centrale Zaporizhzhia. Grossi, “stiamo andando in una zona di guerra”

AgenPress – Gli ispettori delle Nazioni Unite si sono diretti  verso la centrale nucleare ucraina di Zaporizhzhia , una missione tanto attesa che il mondo spera aiuterà a mettere in sicurezza la struttura controllata dai russi nel mezzo di una zona di guerra ed evitare la catastrofe.

Sottolineando il pericolo, Kiev e Mosca si sono nuovamente accusate a vicenda di aver attaccato l’area intorno alla più grande centrale nucleare d’Europa.

Negli ultimi giorni, l’impianto è stato temporaneamente messo fuori servizio a causa dei danni causati da un incendio alla linea di trasmissione, aumentando i timori che i combattimenti potessero portare a una massiccia perdita di radiazioni o addirittura alla fusione del reattore. I rischi sono così gravi che i funzionari hanno iniziato a distribuire compresse di iodio anti-radiazioni ai residenti nelle vicinanze.

Le autorità locali sostenute dalla Russia hanno affermato  che le forze ucraine hanno ripetutamente bombardato il territorio dell’impianto e che attacchi di droni hanno colpito l’edificio amministrativo e il centro di addestramento dell’impianto. Il governatore regionale dell’Ucraina Valentyn Reznichenko, nel frattempo, ha affermato che una città dall’altra parte del fiume rispetto all’impianto è stata colpita da pesanti colpi di artiglieria durante la notte.

“Questo sembra essere un ricatto nucleare della popolazione locale e della società internazionale”, ha detto Reznichenko su Telegram.

Il complesso, fonte vitale di energia per l’Ucraina, è stato occupato dalle forze russe e gestito da lavoratori ucraini sin dai primi giorni della guerra di 6 mesi. L’Ucraina sostiene che la Russia sta essenzialmente tenendo in ostaggio l’impianto, immagazzinando armi lì e lanciando attacchi intorno ad esso, mentre Mosca accusa l’Ucraina di aver sparato incautamente sulla struttura.

Con una squadra finalmente in arrivo, Rafael Grossi, il capo dell’agenzia, ha detto di conoscere perfettamente le implicazioni di una missione senza precedenti.

“Stiamo andando in una zona di guerra. Andremo in territorio occupato”, ha detto al momento della partenza.

Ha aggiunto di aver ricevuto “garanzie esplicite” dalla Russia che la missione di 14 esperti sarebbe stata in grado di svolgere il proprio lavoro.

Le autorità russe a Enerhodar, dove si trova l’impianto, hanno affermato che non ci sono state vittime o rilascio di radioattività negli ultimi combattimenti.

 

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere