29 Set, 2022

Ultimi Articoli

Hong Kong. 29 su 47 attivisti pro-democrazia accusati di “cospirazione” si sono dichiarati colpevoli

AgenPress – Le autorità di Hong Kong controllata dalla Cina affermano che 29 su 47 attivisti pro-democrazia accusati di “cospirazione per commettere sovversione” ai sensi di una dura legge sulla sicurezza nazionale si sono dichiarati colpevoli giovedì, mentre il governo di Pechino cerca di mettere ulteriormente a tacere voci dell’opposizione nel polo finanziario regionale.

Il procedimento giudiziario di giovedì è arrivato nel mezzo di una vasta campagna contro coloro che si sono espressi contro le richieste di assoluta lealtà al Partito Comunista cinese al potere.

I 47 attivisti per la democrazia, di età compresa tra 23 e 64 anni, sono stati accusati di cospirazione per commettere sovversione ai sensi della legge sulla sicurezza nazionale imposta da Pechino e detenuti lo scorso anno per il loro coinvolgimento in elezioni primarie non ufficiali nel 2020 che le autorità hanno affermato essere un complotto per paralizzare il governo di Hong Kong . Le primarie hanno mostrato un forte sostegno ai candidati disposti a sfidare il governo locale sostenuto da Pechino.

Tra coloro che si sono dichiarati colpevoli c’erano noti attivisti politici tra cui Joshua Wong e Benny Tai, hanno affermato i media di Hong Kong.

Le restrizioni alla segnalazione dei media sono state revocate per i casi, che inizieranno il mese prossimo presso l’Alta corte di Hong Kong.

Hong Kong è stata ceduta dal governo britannico a quello cinese nel 1997 con la promessa di mantenere i propri sistemi legali, economici e sociali per 50 anni.

Nonostante il costante deterioramento di quei diritti speciali promessi al territorio nell’ambito di un quadro “un paese, due sistemi”, mantiene il sistema della common law britannica, indipendente dai dettami del Partito Comunista che determinano gli esiti legali sulla terraferma.

Durante l’udienza di giovedì, Wong, che rimane in detenzione, ha affermato che le elezioni primarie hanno consentito agli abitanti di Hong Kong di esprimere la loro volontà politica.

“Il nostro voto è la nostra voce, che viene ascoltata nella comunità globale”, ha detto Wong.

Circa 2.000 residenti di Hong Kong sono stati arrestati e il principale quotidiano di opposizione Apple Daily ha chiuso le proteste a favore della democrazia nel 2019. Altri sono stati arrestati per le azioni che ne sono seguite, incluso il cardinale cattolico Joseph Zen, 90 anni, mentre i discorsi politici e gli incontri pubblici sono stati congelati dall’incertezza su dove sono fissate le linee rosse delle autorità.

La Cina ha risposto alle proteste imponendo l’ampia legge sulla sicurezza nazionale, radunando le figure dell’opposizione nei media e nella società civile e riorganizzando il consiglio legislativo locale per garantire che solo le figure pro-Pechino possano ricoprire cariche.

 

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere