Palermo. Strage operai. Sindacati: alcuni lavoratori erano sotto inquadrati. Si certifica situazione di emergenza e di stato di guerra

AgenPress –  “Dai nostri controlli effettuati presso gli enti bilaterali, alcuni dei lavoratori vittime di questa immane tragedia erano sotto inquadrati rispetto alle mansioni che stavano svolgendo in cantiere”. Lo dicono i segretari provinciali di Palermo di Fillea, Filca, Feneal, Piero Ceraulo, Francesco Danese e Pasquale De Vardo. “Questo sta a significare quello che da anni denunciamo rispetto al corretto inquadramento dei lavoratori edili nei cantieri della provincia. E inoltre non abbiamo mai avuto traccia che questi stessi lavoratori abbiano nell’ultimo anno svolto attività di formazione presso il sistema bilaterale”.

“Ancora non è chiara la dinamica ma se, come pare, tutti gli elementi lasciano intuire che gli operai stavano svolgendo un lavoro pericoloso, non riusciamo a capire come mai non siano stati previsti tutti gli accorgimenti necessari per interventi dove possono verificarsi fuoriuscite di gas nocivi, pericolosi per l’incolumità pubblica”, aggiungono i sindacalisti.

“Appena l’altro giorno a Palermo ricordavamo i morti di Campofelice e di via Ugo La Malfa. Con questa nuova tragedia, si certifica una situazione di emergenza e di stato di guerra. Qui i morti sul lavoro si stanno moltiplicando giorno dopo giorno. Domani saremo davanti al prefetto a chiedere l’intervento delle istituzioni e a sollecitare il tavolo su salute e sicurezza che da tempo chiediamo”.

 

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie