29 Nov, 2022

Ultimi Articoli

Von der Leyen, nuove sanzioni alla Russia. Putin paghi per escalation. Non accetteremo referendum fasulli

- Advertisement -

AgenPress – Abbiamo voluto presentare insieme l’ottavo pacchetto di sanzioni. La scorsa settimana, la Russia ha intensificato l’invasione dell’Ucraina a un nuovo livello. I falsi referendum organizzati nei territori occupati dalla Russia sono un tentativo illegale di accaparrarsi terre e di modificare con la forza i confini internazionali. La mobilitazione e la minaccia di Putin di utilizzare armi nucleari sono ulteriori passi sulla via dell’escalation.

Lo dice la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen presentando l’ottavo pacchetto di sanzioni proposto da Bruxelles e ribadendo che l’Ue “non accetterà mai” l’esito dei “falsi” referendum organizzati dalla Russia nel Dombass.

“E siamo determinati a far pagare al Cremlino questa ulteriore escalation. Quindi oggi stiamo proponendo insieme un nuovo pacchetto di sanzioni pungenti contro la Russia.

Voglio concentrarmi sulla seconda parte di queste sanzioni che limiteranno ulteriormente il commercio. In questo modo, isoliamo e colpiamo ancora di più l’economia russa. Quindi proponiamo nuovi divieti all’importazione di prodotti russi. Ciò manterrà i prodotti russi fuori dal mercato europeo e priverà la Russia di ulteriori 7 miliardi di euro di ricavi. Proponiamo inoltre di ampliare l’elenco dei prodotti che non possono più essere esportati in Russia. L’obiettivo è quello di privare il complesso militare del Cremlino di tecnologie chiave. Ad esempio, ciò include articoli aeronautici aggiuntivi o componenti elettronici e sostanze chimiche specifiche. 

Questi nuovi divieti all’esportazione indeboliranno ulteriormente la base economica della Russia e indeboliranno la sua capacità di modernizzazione. Proporremo inoltre ulteriori divieti alla fornitura di servizi europei alla Russia, e il divieto per i cittadini dell’UE di sedere negli organi direttivi delle imprese statali russe. La Russia non dovrebbe beneficiare delle conoscenze e delle competenze europee.

Il terzo complesso riguarda il petrolio russo. Come sapete, la Russia sta usando i profitti della vendita di combustibili fossili per finanziare la sua guerra. Per quanto riguarda il petrolio russo, ricorderete che abbiamo già deciso di vietare il greggio russo marittimo nell’Unione europea a partire dal 5 dicembre. Ma sappiamo anche che alcuni paesi in via di sviluppo hanno ancora bisogno di forniture petrolifere russe, ma a prezzi bassi. Pertanto, il G7 ha concordato in linea di principio di introdurre un tetto massimo sul prezzo del petrolio russo per i paesi terzi. Questo tetto massimo del prezzo del petrolio aiuterà da un lato a ridurre i ricavi della Russia e dall’altro manterrà stabili i mercati energetici globali. Oggi, in questo pacchetto, stiamo gettando le basi legali per questo tetto massimo del prezzo del petrolio.

E il mio ultimo punto su cui voglio concentrarmi è: stiamo intensificando i nostri sforzi per reprimere l’elusione delle sanzioni. Qui stiamo aggiungendo una nuova categoria. In questa categoria, potremo elencare le persone che eludono le nostre sanzioni. Quindi, ad esempio, se acquistano beni nell’Unione europea, li portano in paesi terzi e poi in Russia, si tratterebbe di un’elusione delle nostre sanzioni e quelle persone potrebbero essere elencate. Penso che questo avrà un grande effetto deterrente. Le nostre sanzioni hanno colpito duramente il sistema di Putin. Gli hanno reso più difficile sostenere la guerra. E stiamo aumentando i nostri sforzi qui e stiamo andando avanti.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere