08 Dic, 2022

Ultimi Articoli

Usa. Desecretato il mandato di perquisizione della villa di Donald Trump

- Advertisement -

AgenPress – E’ stato desecretato il mandato di perquisizione dell’Fbi della residenza di Donald Trump in Florida.

Una ricevuta di proprietà non sigillata dal tribunale mostra che gli agenti dell’FBI hanno preso 11 serie di documenti riservati dalla proprietà durante una perquisizione lunedì. La ricevuta della proprietà è un documento preparato dagli agenti federali per specificare cosa è stato preso durante una perquisizione.

I documenti sequestrati includono alcuni che sono stati contrassegnati come classificati e top secret. Gli atti giudiziari non fornivano dettagli specifici sui documenti o quali informazioni potevano contenere.

In una dichiarazione venerdì, Trump ha affermato che i documenti sequestrati dagli agenti del suo club in Florida erano “tutti declassificati” e ha affermato che avrebbe consegnato i documenti al Dipartimento di Giustizia se gli fosse stato chiesto.

Sebbene i presidenti in carica abbiano il potere di declassificare le informazioni, tale autorità decade non appena lasciano l’incarico e non era chiaro se i documenti in questione siano mai stati declassificati. Trump ha anche mantenuto il possesso dei documenti nonostante le molteplici richieste da parte di agenzie, inclusi gli archivi nazionali, di consegnare i documenti presidenziali in conformità con la legge federale.

Il giudice del magistrato statunitense Bruce Reinhart, lo stesso giudice che ha firmato il mandato di perquisizione, venerdì ha aperto il mandato e la ricevuta della proprietà su richiesta del Dipartimento di giustizia dopo che il procuratore generale Merrick Garland ha dichiarato che vi era “un sostanziale interesse pubblico in questa materia” e Trump ha sostenuto il rilascio “immediato” del mandato. Il Dipartimento di Giustizia ha detto al giudice venerdì pomeriggio che gli avvocati di Trump non si sono opposti alla proposta di renderla pubblica.

Nei messaggi pubblicati sulla sua piattaforma Truth Social, Trump ha scritto: “Non solo non mi opporrò al rilascio di documenti … sto facendo un passo avanti INCORAGGIANDO il rilascio immediato di quei documenti”.

Lo stesso Trump ha ricevuto almeno alcuni dei documenti che il governo stava cercando di svelare, ma lui e i suoi avvocati hanno rifiutato, finora, di renderli pubblici.

Trump è indagato da Fbi per  per violazione dell’Espionage Act, la legge sullo spionaggio, ma anche per “aver ostacolato un’indagine” e aver “rimosso o distrutto documenti ufficiali”. Reati gravi che prevedono diversi anni di carcere o una sanzione. 

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere