02 Dic, 2022

Ultimi Articoli

Ucraina. Trovate a Kherson camere della tortura e i corpi di 63 civili torturati dai russi

- Advertisement -

AgenPress – L’Ucraina afferma di aver trovato i corpi di 63 civili recanti segni di tortura vicino alla città di Kherson recentemente liberata. La Russia ha ripetutamente negato di aver commesso atrocità nella sua invasione. Ma a Kherson, la BBC ha parlato con due persone che hanno affermato di essere state detenute per più di un mese in quelle che vengono descritte come “camere di tortura”.

In una stazione di polizia di Kherson recentemente liberata, ogni cella racconta la propria storia.

Alcuni hanno vestiti sparsi ovunque, uno ha il letto bruciato, un altro ha ciotole per cani e rifiuti sparsi ovunque. In uno, una bandiera russa giace al centro del pavimento.

Nella cella numero sei c’è la storia di Anzhela. È qui che ha trascorso 31 giorni con altre quattro donne dopo essere stata catturata dai soldati russi a giugno.

Prima dell’invasione dell’Ucraina a febbraio, Anzhela, 49 anni, era una presentatrice televisiva.  All’inizio di marzo, i convogli corazzati russi stavano entrando nella sua città natale di Kherson.

Man mano che la presa della Russia si stringeva intorno alla capitale regionale, le manifestazioni venivano gradualmente represse e le libertà venivano erose. A giugno, uomini armati sono entrati nella casa di Anzhela, l’hanno separata dal fidanzato, le hanno messo un sacco in testa e l’hanno caricata su un autobus. Fu da lì che Anzhela fu portata nella cella numero sei.

“Al terzo piano, gli uomini sono stati picchiati”, ricorda. “Quando la persona viene torturata con l’elettricità, lo senti. È un suono particolare. “Gli uomini urlavano di dolore.”

Dopo che i russi hanno preso Kherson, gli investigatori affermano di aver radunato persone con legami con l’esercito ucraino o partigiani che avevano protestato contro la loro occupazione.

Affermano di aver trovato 11 prigioni illegali e quattro camere di tortura a Kherson dopo la sua liberazione. Più di 700 persone sono state dichiarate disperse.

Si teme che siano morti o che siano stati portati illegalmente nei territori occupati dai russi o nella stessa Russia.

E ora l’Ucraina ha annunciato il ritrovamento di decine di corpi con segni di tortura nei pressi della città. Il ministro dell’Interno Denys Monastyrsky ha detto che le indagini sui crimini sono appena iniziate, “saranno scoperti molti altri sotterranei e luoghi di sepoltura”.

 

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere