06 Ott, 2022

Ultimi Articoli

Ucraina. Nelle armi russe trovati 450 componenti di fabbricazione straniera, Giappone, Usa, Germania, Svizzera

AgenPress – Più di 450 componenti di fabbricazione straniera sono stati trovati in armi russe recuperate in Ucraina, prova che Mosca ha acquisito tecnologia critica da aziende negli Stati Uniti, in Europa e in Asia negli anni precedenti l’invasione, secondo un nuovo rapporto dal think tank della difesa del Royal United Services Institute.

Dall’inizio della guerra cinque mesi fa, l’esercito ucraino ha catturato o recuperato dal campo di battaglia armi russe intatte o parzialmente danneggiate. Una volta smontati, 27 di queste armi e sistemi militari, che vanno dai missili da crociera ai sistemi di difesa aerea, sono risultati basati principalmente su componenti occidentali, secondo la ricerca condivisa con Reuters.

È la valutazione pubblicata più dettagliata fino ad oggi del ruolo svolto dalle componenti occidentali nella guerra della Russia contro l’Ucraina.

Circa due terzi dei componenti sono stati prodotti da società con sede negli Stati Uniti, ha scoperto RUSI, sulla base delle armi recuperate dall’Ucraina. I prodotti fabbricati da Analog Devices e Texas Instruments, con sede negli Stati Uniti, rappresentavano quasi un quarto di tutti i componenti occidentali delle armi.

Altri componenti provenivano da società in paesi tra cui Giappone, Corea del Sud, Gran Bretagna, Germania, Svizzera e Paesi Bassi.

“Le armi russe che dipendono in modo critico dall’elettronica occidentale hanno provocato la morte di migliaia di ucraini”, ha detto a Reuters Jack Watling, specialista in guerra terrestre alla RUSI.

Sebbene molti dei componenti stranieri si trovino in articoli per la casa di uso quotidiano come i forni a microonde che non sono soggetti a controlli sulle esportazioni, la RUSI ha affermato che un rafforzamento delle restrizioni all’esportazione e dell’applicazione potrebbe rendere più difficile per la Russia ricostituire il suo arsenale di armi come i missili da crociera.

In un caso, un missile da crociera russo 9M727, una delle armi più avanzate del Paese in grado di manovrare a bassa quota per eludere i radar e colpire bersagli a centinaia di miglia di distanza, conteneva 31 componenti stranieri. Le parti sono state realizzate da società che includevano Texas Instruments Inc e Advanced Micro Devices Inc con sede negli Stati Uniti, nonché Cypress Semiconductor, che ora è di proprietà di Infineon AG, una società tedesca, secondo l’indagine RUSI.

In un altro caso, un missile da crociera russo Kh-101, che è stato utilizzato per colpire le città ucraine, inclusa la capitale Kiev, aveva anche 31 componenti stranieri con parti prodotte da società tra cui Intel Corporation con sede negli Stati Uniti e Xilinx di proprietà di AMD.

In risposta alle domande su come i loro chip siano finiti nelle armi russe, le società hanno affermato di rispettare le sanzioni commerciali e di aver smesso di vendere componenti alla Russia.

Analog Devices ha affermato che la società ha chiuso la propria attività in Russia e ha incaricato i distributori di interrompere le spedizioni nel paese.

Texas Instruments ha affermato che segue tutte le leggi dei paesi in cui opera e le parti trovate nelle armi russe sono state progettate per prodotti commerciali. Intel ha affermato che “non supporta né tollera che i nostri prodotti vengano utilizzati per violare i diritti umani”.

Infineon ha affermato di essere “profondamente preoccupata” se i suoi prodotti vengono utilizzati per scopi per i quali non sono stati progettati. AMD ha affermato che segue rigorosamente tutte le leggi sul controllo delle esportazioni globali.

Molti dei componenti esteri costano solo pochi dollari e le società russe avrebbero potuto acquistarli online prima dell’inizio dell’invasione dell’Ucraina tramite distributori nazionali o internazionali perché potevano essere utilizzati in applicazioni non militari.

Tuttavia, più di 80 microchip di fabbricazione occidentale sono stati soggetti ai controlli sulle esportazioni statunitensi almeno dal 2014, il che significa che avrebbero richiesto una licenza per essere spediti in Russia, ha affermato RUSI. Secondo la RUSI, le società che esportavano le parti avevano la responsabilità di svolgere la due diligence per assicurarsi che non fossero inviate all’esercito russo o per un uso finale militare.

I risultati dell’indagine mostrano come l’esercito russo continui a fare affidamento su microchip stranieri per qualsiasi cosa, dalle radio tattiche ai droni e alle munizioni di precisione a lungo raggio, e che i governi occidentali sono stati lenti nel limitare l’accesso della Russia a queste tecnologie, in particolare dopo l’invasione della Crimea da parte del presidente Vladimir Putin nel 2014.

La guerra della Russia con l’Ucraina, iniziata il 24 febbraio, ha ucciso migliaia di persone, sfollato altri milioni e devastato diverse città. La superiore potenza di fuoco della Russia, compreso l’uso di missili da crociera e balistici, ha aiutato le sue forze a superare l’Ucraina orientale e ad occupare circa un quinto del paese.

Le truppe russe hanno sparato più di 3.650 missili e guidato razzi nei primi cinque mesi di guerra, secondo lo Stato maggiore del Consiglio di sicurezza e difesa nazionale. Questi includono i missili 9M727 e Kh-101. I missili russi sono stati utilizzati per colpire obiettivi, comprese le linee ferroviarie, per interrompere le linee di rifornimento occidentali, le infrastrutture militari e obiettivi civili come centri commerciali e ospedali. La Russia ha affermato di aver sparato solo contro obiettivi militari. Le autorità russe non hanno fornito ulteriori commenti per questa storia.

All’indomani dell’invasione dell’Ucraina, gli Stati Uniti hanno annunciato sanzioni radicali per cercare di indebolire l’economia e le forze armate russe. Ciò includeva il divieto di vendere molti microchip sensibili alla Russia. Paesi in Europa, così come Giappone, Taiwan e Corea del Sud, tutti paesi chiave per la produzione di chip, hanno annunciato restrizioni simili. La Russia caratterizza il conflitto come un’operazione militare speciale volta a disarmare l’Ucraina. Mosca ha definito le sanzioni un atto ostile e ha negato di prendere di mira i civili.

La Russia sta attualmente lavorando per trovare nuove rotte per garantire l’accesso ai microchip occidentali, secondo RUSI. Molti componenti sono venduti tramite distributori che operano in Asia, come Hong Kong, che funge da gateway per l’elettronica che si fa strada verso l’esercito russo o le società che agiscono per suo conto, ha scoperto RUSI.

Il governo russo non ha risposto a una richiesta di commento.

Il governo degli Stati Uniti ha dichiarato a marzo che le aziende russe erano società di facciata che hanno acquistato elettronica per l’esercito russo. I registri doganali russi mostrano che nel marzo dello scorso anno una società ha importato elettronica per un valore di $ 600.000 prodotta da Texas Instruments tramite un distributore di Hong Kong, ha affermato RUSI. Sette mesi dopo, la stessa azienda ha importato altri 1,1 milioni di dollari di microelettronica prodotta da Xilinx, ha affermato la RUSI.

Texas Instruments e Xilinx, di proprietà di AMD, non hanno risposto a una richiesta di commento sui dati doganali.

L’esercito russo potrebbe essere permanentemente indebolito se i governi occidentali rafforzassero i controlli sulle esportazioni, riuscissero a chiudere le reti di approvvigionamento clandestino del paese e impedissero la produzione di componenti sensibili negli stati che supportano la Russia, ha affermato la RUSI.

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere