29 Nov, 2022

Ultimi Articoli

Nord Stream: l’Ucraina accusa la Russia di attacco terroristico all’oleodotto. Esplosioni subacquee

- Advertisement -

AgenPress – L’Ucraina ha accusato la Russia di aver causato perdite in due importanti gasdotti verso l’Europa in quello che ha descritto come un “attacco terroristico”.

Il consigliere presidenziale ucraino Mykhaylo Podolyak ha affermato che il danno al Nord Stream 1 e 2 è stato “un atto di aggressione” nei confronti dell’UE.

Ha aggiunto che la Russia voleva provocare il panico prima dell’inverno e ha esortato l’UE ad aumentare il sostegno militare all’Ucraina.

I sismologi hanno segnalato esplosioni subacquee prima che emergessero le perdite.

“Non c’è dubbio che si trattasse di esplosioni”, ha affermato Bjorn Lund del National Seismology Centre svedese, come citato dai media locali.

Le tre perdite sui gasdotti Nord Stream 1 e 2, che sono pieni di gas naturale ma non forniscono carburante all’Europa , hanno oscurato l’inaugurazione di un gasdotto tanto atteso che porterà il gas norvegese in Polonia per rafforzare l’ indipendenza energetica del continente da Mosca .

La prima esplosione è stata registrata lunedì all’inizio del sud-est dell’isola danese di Bornholm, ha affermato Bjorn Lund, direttore della rete sismica nazionale svedese. Una seconda esplosione più forte a nord-est dell’isola quella notte è stata equivalente a un terremoto di magnitudo 2,3. Anche le stazioni sismiche in Norvegia e Finlandia hanno registrato le esplosioni.

Le perdite di gas hanno creato un’area bianca schiumosa sulla superficie dell’acqua, immagini diffuse dallo spettacolo militare danese.

Gli operatori del Nord Stream 2 hanno avvertito lunedì pomeriggio di una perdita di pressione nel gasdotto. Ciò ha portato a un avvertimento da parte delle autorità danesi che le navi dovrebbero evitare l’area vicino all’isola di Bornholm.

L’operatore del Nord Stream 1 ha affermato che le linee sottomarine hanno subito contemporaneamente danni “senza precedenti” in un giorno.

Il comando di difesa della Danimarca ha rilasciato filmati delle perdite che mostrano bolle sulla superficie del Mar Baltico vicino all’isola.

La più grande zona di perturbazione del mare ha un diametro di 1 km (0,6 miglia).

“La fuga di gas dall’NS-1 [Nord Stream 1] non è altro che un attacco terroristico pianificato dalla Russia e un atto di aggressione nei confronti dell’UE. La Russia vuole destabilizzare la situazione economica in Europa e provocare il panico pre-inverno”, ha affermato l’ucraino Podolyak ha twittato in inglese.

Ha anche invitato i partner europei, in particolare la Germania, ad aumentare il sostegno militare all’Ucraina.

“La migliore risposta e investimento nella sicurezza sono i carri armati per l’Ucraina. Soprattutto quelli tedeschi”.

Altri leader europei hanno sollevato l’idea che il danno ai gasdotti sia stato deliberatamente inflitto.

Il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki ha definito gli eventi “un atto di sabotaggio”, mentre il primo ministro danese Mette Frederiksen ha affermato di non poterlo escludere. Durante una cerimonia vicino a Goleniow, nella Polonia nord-occidentale, insieme al presidente polacco Andrzej Duda hanno simbolicamente aperto la valvola di un tubo giallo appartenente al Baltic Pipe, un nuovo sistema che invia gas norvegese attraverso la Danimarca e il Mar Baltico in Polonia.

“L’era del dominio russo nella sfera del gas sta volgendo al termine”, ha dichiarato Morawiecki. “Un’epoca segnata da ricatti, minacce ed estorsioni”.

Il primo ministro danese, Mette Frederiksen, ha affermato che era troppo presto per trarre conclusioni, ma che era difficile immaginare che le molteplici fughe di notizie potessero essere una coincidenza.

Allo stesso tempo, notizie non confermate dai media tedeschi affermavano che le autorità non stavano escludendo un attacco alla rete del gas sottomarina.

Un portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, si è detto “estremamente preoccupato” per l’incidente e non si può escludere la possibilità di un attacco deliberato.

L’UE ha precedentemente accusato la Russia di utilizzare una riduzione delle forniture di gas come arma economica, in risposta alle sanzioni europee imposte a causa dell’invasione russa dell’Ucraina.

Tuttavia, Mosca lo nega, affermando che le sanzioni hanno reso impossibile la corretta manutenzione dell’infrastruttura del gas.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere