05 Ott, 2022

Ultimi Articoli

Messico. Arrestato ex procuratore generale che indagò sulla scomparsa nel 2014 di 43 studenti

AgenPress – I pubblici ministeri federali hanno arrestato Jesús Murillo Karam,  procuratore generale dal 2012 al 2015, sotto l’allora presidente Enrique Peña Nieto. L’ufficio dell’attuale procuratore generale, Alejandro Gertz Manero, ha affermato che Murillo Karam è stato accusato di tortura, cattiva condotta ufficiale e scomparsa forzata.

L”accusa è di aver commesso abusi nell’indagine sulla scomparsa nel 2014 di 43 studenti di un collegio di insegnanti radicali.

I pubblici ministeri hanno anche annunciato di aver emesso mandati d’arresto nel caso contro 20 ufficiali dell’esercito, cinque funzionari locali, 33 agenti di polizia locale e 11 poliziotti di stato, nonché 14 membri di bande.

L’operazione di polizia è avvenuta il giorno dopo la pubblicazione del rapporto della commissione d’indagine su quella vicenda che parlava di “delitto di stato”, cioè del rapimento e assassinio degli studenti commessi dai narcotrafficanti con la complicità di giustizia e forze dell’ordine. Mandati d’arresto anche per 14 persone legate al cartello criminale ‘Guerreros Unidos’.

Il giudice Murillo Karam è l’artefice della versione ufficiale della vicenda, la cosiddetta “Verità storica”, presentata nel 2015 sotto l’allora presidente del Messico, Enrique Pena Nieto (2012-2018), e che non convinse nessuno, tanto meno i familiari dei 43 studenti che sparirono nel nulla la notte fra il 26 e 27 settembre 2014 nello stato di Guerrero dopo aver prenotato dei pullman per partecipare a una manifestazione a Città del Messico.

Da quanto emerso dalle successive indagini, gli studenti furono arrestati da poliziotti corrotti e consegnati alla criminalità organizzata locale dei Guerreros Unidos che , per motivi non completamente chiariti, li avrebbe uccisi e fatto sparire i cadaveri bruciandoli in una discarica.

Solo i resti di tre di essi furono trovati e identificati. Tutte le persone arrestate, incluso l’ex procuratore generale Murillo Karam, sono accusati di “collusione con il crimine organizzato, sequestro di persona, tortura, omicidio e ostruzione della giustizia.

La ‘Verità storica’ del 2015 avrebbe omesso la responsabilità di militari corrotti e di altre istituzioni pubbliche, che è stata invece accertata dalla “Commissione per la verità su Ayatzinapa”, messa in piedi dall’attuale presidente messicano, Andrés Manuel Lopez Obrador, e guidata dal sottosegretario agli Interni, Alejandro Encinas.

I soldati e gli ufficiali ricercati in base ai mandati di venerdì – e gli altri funzionari, polizia e membri di bande – sono accusati di omicidio, tortura, cattiva condotta ufficiale, associazione a delinquere e sparizione forzata

Non è stato immediatamente chiaro se tutti i sospettati abbiano affrontato tutte le accuse o se i sospetti fossero tra le dozzine precedentemente arrestati e accusati durante le indagini precedenti.

Prima delle riforme della legge messicana, all’esercito era stato da tempo consentito di deferire i soldati accusati di illeciti a tribunali militari separati. Ma ora i soldati devono essere processati in tribunali civili, se i loro reati hanno coinvolto civili.

I soldati accusati hanno prestato servizio presso la base vicino  dove è avvenuto il rapimento nel 2014.

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere