29 Set, 2022

Ultimi Articoli

La Russia brucia enormi quantità di gas naturale nell’impianto al confine con Finlandia. Impatto su ambiente

AgenPress – Mentre i costi energetici dell’Europa salgono alle stelle, la Russia sta bruciando grandi quantità di gas naturale.

Gli esperti affermano che il gas sarebbe stato precedentemente esportato in Germania.

Dicono che l’impianto vicino al confine con la Finlandia bruci gas per un valore stimato di $ 10 milioni (£ 8,4 milioni) ogni giorno.

Gli scienziati sono preoccupati per i grandi volumi di anidride carbonica e fuliggine che sta creando, il che potrebbe esacerbare lo scioglimento del ghiaccio artico.

L’analisi di Rystad Energy indica che circa 4,34 milioni di metri cubi di gas vengono bruciati ogni giorno dal flare.

Proviene da un nuovo impianto di gas naturale liquefatto (GNL) a Portovaya, a nord-ovest di San Pietroburgo. I primi segnali che qualcosa non andava sono arrivati ​​dai cittadini finlandesi oltre il vicino confine che all’inizio di quest’estate hanno individuato una grande fiamma all’orizzonte.

Portovaya si trova vicino a una stazione di compressione all’inizio del gasdotto Nordstream 1 che trasporta il gas sottomarino in Germania.

Le forniture attraverso il gasdotto sono state ridotte da metà luglio, con i russi che hanno incolpato problemi tecnici per la restrizione. La Germania dice che è stata una mossa puramente politica dopo l’invasione russa dell’Ucraina.

Ma da giugno, i ricercatori hanno notato un aumento significativo del calore emanato dalla struttura, ritenuto dovuto al gas flaring, la combustione di gas naturale.

Sebbene la combustione di gas sia comune negli impianti di trattamento – normalmente eseguita per motivi tecnici o di sicurezza – l’entità di questa combustione ha confuso gli esperti.

“Non ho mai visto un impianto di GNL infiammarsi così tanto”, ha affermato la dott.ssa Jessica McCarty, esperta di dati satellitari della Miami University in Ohio.

“A partire da giugno, abbiamo visto questo enorme picco, e semplicemente non è scomparso. È rimasto molto anormalmente alto”.

Gli impatti ambientali dell’incendio preoccupano gli scienziati.

Secondo i ricercatori, il flaring è molto meglio del semplice sfogo del metano che è l’ingrediente chiave del gas ed è un potente agente di riscaldamento del clima.

La Russia ha un track record di combustione di gas: secondo la Banca mondiale, è il paese numero uno per volume di flaring.

Ma oltre a rilasciare circa 9.000 tonnellate di CO2 equivalente ogni giorno da questo bagliore, l’incendio provoca altri problemi significativi.

Black carbon è il nome dato alle particelle fuligginose che vengono prodotte dalla combustione incompleta di combustibili come il gas naturale.

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere