30 Set, 2022

Ultimi Articoli

Iraq. Il religioso Muqtada al-Sadr invita i miliziani a ritirarsi. “Questa non è una rivoluzione”. Esercito, stop coprifuoco

AgenPress – Dopo due giorni di scontri mortali che hanno suscitato timori che l’instabilità potesse diffondersi in tutto il paese e persino nella regione, il religioso Muqtada al-Sadr ha detto ai suoi sostenitori di lasciare il quartiere governativo dove si erano radunati. In pochi minuti, alcuni potrebbero essere visti ascoltare la chiamata, smontare le tende e uscire dall’area nota come Zona Verde.

L’esercito iracheno ha anche annunciato la revoca del coprifuoco a livello nazionale, alimentando ulteriormente la speranza che la crisi immediata fosse in diminuzione, sebbene permangano problemi politici più grandi.

Il governo iracheno è in una situazione di stallo da quando il partito di al-Sadr ha ottenuto la maggior parte dei seggi alle elezioni parlamentari di ottobre, ma non abbastanza per assicurarsi un governo di maggioranza. Ciò ha portato a mesi di lotte politiche interne tra i seguaci sciiti di al-Sadr e i suoi rivali sciiti sostenuti dall’Iran prima che diventassero violenti lunedì.

Il caos è iniziato quando al-Sadr ha annunciato che si sarebbe dimesso dalla politica. Molti hanno respinto la mossa come uno stratagemma per ottenere una maggiore influenza, ei suoi sostenitori hanno preso d’assalto la Green Zone, un tempo roccaforte dell’esercito americano e ora sede degli uffici del governo iracheno e delle ambasciate straniere. Alla fine fecero breccia nei cancelli del palazzo del governo, precipitandosi nei suoi sontuosi saloni e sale marmoree.

I suoi seguaci possono essere visti in diretta televisiva sparare con mitragliatrici e granate a razzo nella Zona Verde, fortemente fortificata, mentre le forze di sicurezza sporadicamente rispondevano al fuoco e carri armati si allineavano. Alcuni passanti hanno filmato lo scontro a fuoco con i loro telefoni cellulari, anche se la maggior parte si è nascosta dietro i muri, sussultando quando i proiettili si sono spezzati nelle vicinanze.

Almeno 30 persone sono state uccise, hanno detto i funzionari, prima che al-Sadr esortasse coloro che gli erano fedeli a tornare a casa, a seguito delle richieste di moderazione di diversi funzionari iracheni e delle Nazioni Unite.

“Questa non è una rivoluzione”, ha detto il religioso in un discorso televisivo.

Al-Sadr, che ha spronato i suoi seguaci a prendere d’assalto il parlamento a luglio con appelli alla rivoluzione e alla riforma, si è scusato con il popolo iracheno e ha detto che non poteva sostenere la violenza.

 

Decine i morti, oltre 400 i feriti.  Il premier uscente iracheno Mustafa Kazimi ha espresso pubblicamente apprezzamento per l’invito rivolto dal leader sciita Moqatada Sadr ai suoi miliziani di fermare le violenze e ritirarsi dalla Zona Verde di Baghdad. Con un messaggio su Twitter, Kazimi ha detto che l’appello di Sadr “rappresenta uno dei livelli più alti di patriottismo ed esprime il suo desiderio di risparmiare il sangue degli iracheni”. Kazimi aggiunge che il discorso di Sadr “riporta tutti a farsi carico della responsabilità morale e nazionale di proteggere l’Iraq”. 

 

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere