25 Set, 2022

Ultimi Articoli

Cina. 1,6 mln di persone evacuate mentre il tifone Muifa continua a colpire la costa orientale

AgenPress – Forti venti e forti piogge hanno sferzato la densamente popolata costa orientale della Cina, dopo che il tifone Muifa ha costretto circa 1,6 milioni di persone a lasciare le proprie case e ha bloccato la maggior parte dei voli nei principali aeroporti di Shanghai.

Muifa è il più forte ciclone tropicale che ha colpito Shanghai, sede di oltre 25 milioni di persone, dall’inizio della registrazione nel 1949, ha affermato l’emittente statale CCTV.

Non ci sono state segnalazioni immediate di morti o vittime. Almeno 426.000 persone sono state evacuate a Shanghai e altri 1,2 milioni di persone sono state portate in rifugi temporanei nella vicina provincia di Zhejiang. 

Le forti piogge hanno provocato inondazioni e rallentamenti del traffico in diverse aree della regione del delta del fiume Yangtze, un importante polo manifatturiero mondiale.

Onde giganti sono state viste schiantarsi sulla costa nella baia di Hangzhou, a sud di Shanghai, e la radio nazionale ha riferito di una frana nella contea di Ninghai, nella provincia di Zhejiang.

Con venti fino a 125 chilometri (78 miglia) all’ora, la tempesta è atterrata alle 00:30 di giovedì (16:30 GMT mercoledì) nel distretto di Fengxian a Shanghai.

In precedenza aveva portato alla cancellazione di tutti i voli per il più grande centro finanziario della Cina.

Muifa ha già colpito la città di Zhoushan nello Zhejiang mercoledì, secondo l’agenzia di stampa statale Xinhua.

Il viaggio aereo è ripreso lentamente a Shanghai mentre la tempesta si è spostata verso nord, ma la maggior parte dei voli dai due aeroporti principali della città sono stati cancellati giovedì mattina, secondo il fornitore di dati aeronautici Flightradar24.

Le operazioni in alcuni dei più grandi porti marittimi di container dell’Asia a Shanghai e nella vicina Ningbo, che sono state interrotte a causa del tifone, avrebbero dovuto riprendere più tardi giovedì, secondo le dichiarazioni dei funzionari portuali. 

I funzionari hanno ordinato a tutti i pescherecci nel Mar Giallo e nel Mare di Bohai di ancorare nei porti mentre la Cina nord-orientale si preparava al tifone.

Giovedì mattina la tempesta è entrata nella provincia di Jiangsu, nella Cina orientale, e la velocità del vento si è indebolita a circa 90 chilometri (56 miglia) all’ora, ha affermato l’Osservatorio meteorologico centrale.

La tempesta è arrivata subito dopo che il tifone Hinnamnoor ha colpito Shanghai e la regione vicina la scorsa settimana, causando la sospensione dei servizi di traghetti di Shanghai e la chiusura delle scuole in alcune parti dello Zhejiang.

Muifa è il 12° tifone che ha colpito la Cina quest’anno, secondo i media statali.

Le tempeste tropicali, che dovrebbero aumentare con il riscaldamento del pianeta, sono aumentate notevolmente nel 2021, secondo un rapporto della National Oceanic and Atmospheric Administration degli Stati Uniti all’inizio di questo mese.

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere