07 Ott, 2022

Ultimi Articoli

Cambridge. Rachael è nata con 100 tumori. Dopo 18 mesi e 1000 sedute di chemioterapia è guarita

AgenPress – Quando la piccola Rachael Young è nata con più di 100 tumori sul suo corpo, non ci si aspettava che sopravvivesse.

I tumori benigni stavano crescendo in tutti gli organi principali della neonata, compreso il cuore. E le sue condizioni erano così rare che i medici hanno detto ai genitori devastati di Rachael di prepararsi al peggio,  alla luce della gravità della situazione della loro figlia.

È stato uno shock tremendo per noi .Avevo avuto una gravidanza normale. I medici ci avevano detto che non avevano mai visto niente del genere in 40 anni e non sapevano se avrebbero potuto curare Rachael. perché non avevano un caso con cui confrontarla.

A salvare la vita di Rachael è stato un trattamento sperimentale, che le è stato somministrato presso l’ospedale di Addenbrooke a Cambridge. Sono stati necessari 18 mesi di chemioterapia, ma alla fine il tanto sperato risultato è stato confermato dai medici: la bambina è guarita, tutti i tumori erano scomparsi.

Rachael, ora, in quanto malata oncologica, dovrà sottoporsi a controlli periodi per assicurarsi che la malattia non torni a tormentarla

“Ci ha dato così tante speranze per il futuro che non pensavamo avremmo avuto. Non sapevamo se l’avremmo persa”, ha detto Kate, 37 anni, raccontando di come lei e il marito Simon, 39 anni, siano rimasti “sbalorditi” nell’apprendere che la loro figlia aveva più di 100 tumori nel suo corpo quando aveva solo pochi giorni. “È stato uno shock tremendo per noi”, ha ricordato. “Avevo avuto una gravidanza sana , quindi non avevamo idea di cosa sarebbe successo.

“I medici hanno detto che non avevano mai visto niente del genere in 40 anni e non sapevano se avrebbero potuto curare Rachael perché non avevano un caso con cui confrontarla. È stato un inizio così deprimente per lei”.

Rachael si è ammalata per la prima volta quando aveva solo 24 ore e le indagini mediche hanno rivelato che aveva la miofibromatosi infantile nella sua forma più grave. La rara malattia provoca la crescita di tumori benigni nella pelle, nei muscoli, nelle ossa e negli organi.

Katie, che lavora come insegnante, ha detto: “Non avevamo mai sentito parlare di una tale condizione prima. I medici ci hanno detto che i tumori erano su ogni organo del suo corpo, inclusi diversi nel suo cuore.

Alcuni erano minuscoli ma altri erano grandi, misurando fino a diversi centimetri ciascuno. Anche quelli nel suo cuore stavano causando infiammazioni lì.

“Fortunatamente, i tumori erano benigni e non cancerosi, ma poiché ce n’erano così tanti, potevano causarle danni potenzialmente letali. Così hanno deciso che la chemioterapia era il modo migliore per curarli”.

“Era costantemente malata con la chemioterapia e ha anche avuto molte infezioni. Doveva essere nutrita attraverso un tubo. Era così difficile per la famiglia, essere separata, e a Henry mancava terribilmente. Voleva solo avere la sua sorellina a casa”.

Poiché le condizioni di Rachael erano così rare, i medici hanno dovuto prendere il suo trattamento letteralmente giorno dopo giorno. Ma dopo 18 mesi di estenuanti sessioni di chemioterapia, finalmente hanno avuto delle buone notizie per la famiglia.

I medici hanno detto alla famiglia ansiosa di Rachael che tutti i suoi tumori erano scomparsi. Poiché si trattava di tumori dello sviluppo che avevano avuto inizio nell’utero, era anche improbabile che tornassero poiché non erano diventati più grandi durante i 18 mesi di trattamento.

“È stato un enorme sollievo quando ci hanno detto che erano completamente scomparsi e non erano più visibili su nessuna delle tac.

“Il chirurgo ha preso una buona decisione nel portare avanti il ​​trattamento fintanto che si è assicurato che i tumori fossero tutti scomparsi. Le ha sicuramente salvato la vita”.

A Rachael è stata data una perla di vetro per ogni sessione di chemioterapia che ha subito e alla fine ne ha raccolte quasi 1.000. Le perline vengono presentate ai giovani pazienti dall’ospedale per premiarli per essere stati coraggiosi durante le loro dure sessioni di trattamento.

“Siamo molto orgogliosi di Rachael. Ha attraversato ogni fase del suo trattamento mostrando un enorme coraggio. Dall’età di appena due settimane, stava lottando per la sua vita. E nonostante tutto quello che ha passato, è la bambina più felice con un sorriso per tutti”.

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere