05 Feb, 2023

Ultimi Articoli

Afghanistan. Talebani avvisano la comunità internazionale. “Non interferite negli affari interni con la scusa delle scuole”

- Advertisement -

AgenPress – L’Emirato islamico dell’Afghanistan ha chiesto alle nazioni vicine e alla comunità internazionale di evitare di interferire negli affari interni dell’Afghanistan.

In una dichiarazione l’Emirato islamico ha affermato che con la scusa della chiusura delle scuole femminili in Afghanistan, gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni a un certo numero di membri attuali ed ex membri dell’attuale governo.

L’Emirato islamico ha principi per migliorare il sistema nei settori politico, culturale, sociale, economico ed educativo e si considera responsabile della risoluzione dei problemi che devono affrontare le persone, afferma la dichiarazione.

“L’Emirato islamico prende decisioni di propria volontà e del suo popolo e intraprende azioni in conformità con le priorità del paese e i suoi valori islamici, quindi poiché non vogliamo interferire negli affari interni di altri paesi e altri paesi dovrebbero lasciare che gli afgani hanno il loro paese e hanno il loro sistema e le loro questioni”, ha affermato Bilal Karimi, il vice portavoce dell’Emirato islamico.

Gli analisti hanno affermato che, data la situazione attuale, è essenziale soddisfare alcune delle richieste della comunità internazionale come la riapertura delle scuole femminili.

“Dobbiamo interagire con i nostri vicini. Oggi la comunità internazionale non può continuare ad essere così indifferente che i cancelli delle scuole in Afghanistan siano chiusi. Secondo la comunità internazionale, il governo ha il monopolio dell’opinione ei media sono sotto censura. Quando ci aspettiamo qualcos’altro, dobbiamo anche ricevere qualcosa in cambio”, ha affermato un analista politico Mohammad Hassan Haqyar.

“Le questioni riguardanti la pace e la stabilità nel mondo, così come i commenti sui diritti umani, non sono in alcun modo considerati parte degli affari interni di un paese”, ha affermato lo specialista di relazioni internazionali Sayed Jawad Sajadi.

“Le richieste finora avanzate dalla comunità internazionale sono le legittime aspettative dello stesso popolo afgano. Possiamo adottare i modelli della società, ma non può imporci la sua volontà”, ha affermato Mohammad Omar Nuhzat, analista politico.

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha annunciato martedì nuove restrizioni sul “rilascio di visti per gli attuali o ex membri talebani, membri di gruppi di sicurezza non statali e altri individui ritenuti responsabili o complici della repressione di donne e ragazze in Afghanistan attraverso politiche restrittive e violenze”.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere