29 Set, 2022

Ultimi Articoli

Afghanistan. Onu chiede ai talebani il rispetto dei diritti umani. Donne e ragazze “cancellate” dalla vita pubblica

AgenPress – Esperti di diritti umani delle Nazioni Unite in un rapporto ha criticato il trattamento riservato alle donne da parte dell’Emirato islamico nell’ultimo anno.

Hanno affermato che la comunità internazionale deve intensificare gli sforzi per sollecitare l’Emirato islamico ad aderire ai principi fondamentali dei diritti umani, avvertendo che il futuro dell’Afghanistan è cupo se non si farà di più per invertire il deterioramento della situazione dei diritti umani, in particolare per le donne e le ragazze.

“È passato un anno dall’acquisizione dell’Afghanistan da parte dei talebani. In quel momento, abbiamo nuovamente invitato la comunità internazionale a intraprendere azioni rigorose per proteggere gli afgani dalle violazioni dei diritti umani, comprese detenzioni arbitrarie, esecuzioni sommarie, sfollamenti interni e restrizioni illegali sui loro diritti umani, in particolare quelli che hanno maggiori probabilità di essere colpiti come donne e ragazze e cittadini vulnerabili, persone con disabilità, difensori dei diritti umani, giornalisti, artisti, religiosi e altre minoranze, educatori e attori della società civile”, si legge nel rapporto.

Hanno chiesto all’Emirato islamico di rispettare le leggi internazionali sui diritti umani.

“Rispettare tutti gli obblighi e gli impegni internazionali in materia di diritti umani e diritto umanitario che incombono all’Afghanistan, attuare pienamente gli standard sui diritti umani che l’Afghanistan ha liberamente accettato, compreso il rispetto dei diritti delle ragazze e delle donne all’istruzione, al lavoro e alla partecipazione alla vita pubblica, sostenendo il diritti delle persone appartenenti a comunità minoritarie e impegnarsi in modo costruttivo con i meccanismi dei diritti umani”, si legge nella dichiarazione.

Il rapporto  ha inoltre aggiunto che l’Emirato islamico dovrebbe consentire immediatamente alle ragazze sopra la prima media di andare a scuola e rimuovere le restrizioni alla libera circolazione delle donne.

“Aprire immediatamente tutte le scuole secondarie per ragazze e ripristinare il loro accesso a un’istruzione di qualità, nonché revocare le restrizioni imposte alla mobilità, all’abbigliamento, all’occupazione e alla partecipazione politica delle donne e cessare immediatamente tutti gli atti di violenza contro di loro”, aggiunge il rapporto.

L’Emirato islamico ha respinto le conclusioni delle Nazioni Unite sulle violazioni dei diritti umani.

“Una volta i diritti umani sono stati violati e il nostro popolo è stato oggetto di numerosi atti terroristici e crimini ed era sotto bombardamenti e armi pesanti, ma dopo l’arrivo dell’Emirato islamico, i diritti del nostro popolo e dei nostri cittadini sono stati assicurati”, ha detto Bilal Karimi, vice portavoce dell’Emirato islamico.

Il Ministero degli Affari Esteri del Belgio in una dichiarazione ha affermato che le donne e le ragazze vengono gradualmente rimosse dalla vita pubblica in Afghanistan.

“I provvedimenti stanno progressivamente cancellando donne e ragazze dalla vita pubblica. Come il diniego dell’accesso alle scuole secondarie e la sospensione delle classi, gli ostacoli al lavoro, la mancanza di opportunità di partecipazione alla vita politica e pubblica, i limiti alla loro libertà di movimento, associazione e espressione, imposizione dell’hijab o burqa, e l’obbligo che le donne siano accompagnate da un maschio (uomo o ragazzo) per i viaggi, le visite e altre attività nella vita pubblica. L’aumento dei matrimoni forzati e dei matrimoni infantili visto nel paese suggerisce devastanti effetti per le generazioni a venire Queste decisioni vanno contro gli impegni presi dai talebani quando hanno preso il potere e rendono impossibile riprendere i rapporti con il regime”, ha osservato il ministro degli Esteri Hadja Lahbib.

Nel frattempo, Amnesty International ha espresso preoccupazione per la situazione dei diritti umani in Afghanistan.

“Siamo preoccupati per lo stato terribile e fragile dei diritti umani in Afghanistan e i nostri risultati mostrano anche che un anno dopo che i talebani hanno usato ripetutamente violenza e pregiudizio, non c’è stata alcuna responsabilità”, ha affermato Samira Hamidi, capo della sezione Afghanistan presso Amnesty International.

Il coordinatore umanitario per l’Afghanistan, Ramiz Alakbarov, ha espresso preoccupazione per la difficile situazione economica della popolazione afghana e ha affermato che sono necessari maggiori aiuti per migliorare la situazione.

“Oggi, la tragica realtà è che la portata dei bisogni in Afghanistan supera di gran lunga la capacità di risposta degli attori umanitari per soddisfarli, e semplicemente non sarà possibile spostare la popolazione da una modalità di sopravvivenza a una prospera a meno che un’economia e un sistema bancario funzionanti il sistema viene ripristinato; riprendono gli interventi a più lungo termine e più sostenibili; i ministeri di linea sono tecnicamente abilitati; le ragazze possono ufficialmente tornare a scuola; e le donne e le ragazze possono partecipare in modo significativo e sicuro a tutti gli aspetti della vita sociale, politica ed economica, compreso il lavoro umanitario”, ha affermato il coordinatore umanitario per l’Afghanistan, il dottor Ramiz Alakbarov.

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere