29 Set, 2022

Ultimi Articoli

Afghanistan. La vita devastata di donne e bambine. La repressione dei talebani tra torture e matrimoni minorili

AgenPress – La vita di donne e ragazze in Afghanistan è devastata dalla repressione dei talebani sui loro diritti umani, ha affermato Amnesty International in un nuovo rapporto pubblicato oggi.

Da quando hanno preso il controllo del Paese nell’agosto 2021, i talebani hanno violato i diritti di donne e ragazze all’istruzione, al lavoro e alla libera circolazione; decimato il sistema di protezione e sostegno per chi fugge dalla violenza domestica; donne e ragazze detenute per violazioni minori di regole discriminatorie; e ha contribuito a un aumento dei tassi di matrimoni infantili, precoci e forzati in Afghanistan.

Il rapporto, Death in Slow Motion: Women and Girls Under Taleban Rule , rivela anche come le donne che hanno protestato pacificamente contro queste regole oppressive sono state minacciate, arrestate, detenute, torturate e scomparse con la forza.

“Meno di un anno dopo l’acquisizione dell’Afghanistan da parte dei talebani, le loro politiche draconiane stanno privando milioni di donne e ragazze del diritto di condurre una vita sicura, libera e appagante”, ha affermato Agnès Callamard, Segretario generale di Amnesty International.

“Prese insieme, queste politiche formano un sistema di repressione che discrimina donne e ragazze in quasi ogni aspetto della loro vita. Ogni dettaglio quotidiano – se vanno a scuola, se e come lavorano, se e come escono di casa – è controllato e fortemente limitato.

“Questa soffocante repressione contro la popolazione femminile dell’Afghanistan sta aumentando di giorno in giorno. La comunità internazionale deve chiedere con urgenza che i talebani rispettino e proteggano i diritti delle donne e delle ragazze”.

Amnesty International chiede ai talebani di attuare importanti cambiamenti politici e misure per difendere i diritti delle donne e delle ragazze. I governi e le organizzazioni internazionali, compresi tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite e il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, devono sviluppare e attuare urgentemente una strategia solida e coordinata che faccia pressione sui talebani affinché applichino questi cambiamenti.

I ricercatori di Amnesty International hanno visitato l’Afghanistan nel marzo 2022. L’indagine completa è stata condotta da settembre 2021 a giugno 2022 e include interviste a 90 donne afgane e 11 ragazze, di età compresa tra i 14 ei 74 anni, che vivono in 20 delle 34 province dell’Afghanistan.

Detenzione e tortura di manifestanti pacifici

Da quando hanno preso il controllo dell’Afghanistan nell’agosto 2021, i talebani sono stati le autorità de facto del paese. Nonostante gli iniziali impegni pubblici per difendere i diritti delle donne e delle ragazze, i talebani hanno introdotto politiche di discriminazione sistematica che violano i loro diritti.

Donne e ragazze in tutto l’Afghanistan hanno reagito a questa repressione con un’ondata di proteste. In risposta, i talebani hanno preso di mira i manifestanti con molestie e abusi, arresti e detenzioni arbitrarie, sparizioni forzate e torture fisiche e psicologiche.

Amnesty International ha intervistato una manifestante che è stata arrestata e detenuta per diversi giorni nel 2022. Descrivendo il suo trattamento durante la detenzione, ha detto ad Amnesty International: “[Le guardie talebane] continuavano a venire nella mia stanza e a mostrarmi le foto della mia famiglia. Continuavano a ripetere… ‘Possiamo ucciderli, tutti, e tu non potrai fare niente… Non piangere, non fare una scenata. Dopo aver protestato, avresti dovuto aspettarti giornate come questa’”.

Ha anche descritto di essere stata picchiata duramente: “Hanno chiuso a chiave la porta. Hanno iniziato a urlare contro di me… [Un membro talebano] ha detto: ‘Donna cattiva… l’America non ci sta dando i soldi a causa di voi puttane’... Poi mi ha preso a calci. Era così forte che la mia schiena si è infortunata, e anche lui ha preso a calci il mio mento… Sento ancora il dolore in bocca. Mi fa male ogni volta che voglio parlare”.

Due donne hanno affermato che dopo che le foto delle ferite di un collega manifestante sono state pubblicate sui social media, i membri talebani hanno sviluppato una nuova strategia per impedire loro di mostrare pubblicamente le ferite riportate.

Una delle donne ha detto ad Amnesty International: “Siamo state picchiate sul petto e tra le gambe. Ci hanno fatto questo in modo che non potessimo mostrarlo al mondo. Un soldato che stava camminando accanto a me mi ha colpito al petto e ha detto: ‘Posso ucciderti in questo momento e nessuno direbbe niente’. Questo succedeva ogni volta che uscivamo: venivamo insultati – fisicamente, verbalmente ed emotivamente”.

I manifestanti detenuti avevano un accesso inadeguato a cibo, acqua, ventilazione, prodotti sanitari e assistenza sanitaria. Per garantire il loro rilascio, le donne sono state costrette a firmare accordi affinché loro e i loro familiari non avrebbero più protestato, né parlato pubblicamente delle loro esperienze di detenzione.

Secondo la ricerca di Amnesty International – corroborata da organizzazioni nazionali e internazionali che operano in Afghanistan, attivisti locali e altri esperti – i tassi di matrimoni infantili, precoci e forzati in Afghanistan sono in aumento sotto il governo talebano. I fattori causali chiave dell’aumento includono la crisi economica e umanitaria; la mancanza di prospettive educative e professionali per le donne e le ragazze; famiglie che costringono donne e ragazze a sposare membri talebani; e membri talebani che costringono donne e ragazze a sposarli.

Stephanie Sinclair, direttrice di Too Young to Wed, un’organizzazione che lavora sui matrimoni precoci, precoci e forzati, ha spiegato: “In Afghanistan, è una tempesta perfetta per i matrimoni precoci. Hai un governo patriarcale, guerra, povertà, siccità, ragazze che non vanno a scuola – con tutti questi fattori combinati… sapevamo che il matrimonio precoce sarebbe andato alle stelle”.

I talebani continuano a bloccare l’istruzione per la stragrande maggioranza delle ragazze delle scuole secondarie. Il loro previsto ritorno a scuola il 23 marzo 2022 è stato di breve durata. Più tardi, lo stesso giorno, i talebani hanno rimandato a casa le ragazze, adducendo un “problema tecnico” relativo alle loro uniformi. Quattro mesi dopo, i talebani continuano a negare alle ragazze l’accesso all’istruzione.

Amnesty International chiede alla comunità internazionale di imporre conseguenze sui talebani per la loro condotta, come sanzioni mirate o divieti di viaggio applicati attraverso una risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, o utilizzare altre forme di leva che possano ritenere i talebani responsabili del trattamento riservato alle donne e ragazze senza danneggiare il popolo afgano.

“I talebani stanno deliberatamente privando milioni di donne e ragazze dei loro diritti umani e li sottopongono a una discriminazione sistematica”, ha affermato Agnès Callamard.

“Se la comunità internazionale non agirà, abbandonerà donne e ragazze in Afghanistan e minerà i diritti umani ovunque”.

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere