03 Ott, 2022

Ultimi Articoli

Afghanistan. Futuro incerto per le ragazze da quando i talebani sono tornati al potere. Niente scuola

AgenPress – Per la maggior parte delle adolescenti in Afghanistan, è passato un anno da quando hanno messo piede in una classe. Senza alcun segno che i talebani al potere consentiranno loro di tornare a scuola, alcuni stanno cercando di trovare modi per impedire che l’istruzione si fermi per una generazione di giovani donne.

In una casa a Kabul, dozzine si sono riunite in un giorno recente per le lezioni in una scuola informale fondata da Sodaba Nazhand. Lei e sua sorella insegnano inglese, scienze e matematica a ragazze che dovrebbero frequentare la scuola secondaria.

“Quando i talebani volevano togliere alle donne i diritti all’istruzione e al lavoro, volevo oppormi alla loro decisione insegnando a queste ragazze”, ha detto Nazhand all’Associated Press.

La sua è una delle tante scuole sotterranee in funzione da quando i talebani hanno preso il controllo del paese un anno fa e hanno vietato alle ragazze di proseguire gli studi dopo la prima media. Sebbene i talebani abbiano consentito alle donne di continuare a frequentare le università, questa eccezione diventerà irrilevante quando non ci saranno più ragazze che si diplomano alle scuole superiori.

“Non c’è modo di colmare questa lacuna e questa situazione è molto triste e preoccupante”, ha detto Nazhand.

Save the Children ha intervistato quasi 1.700 ragazzi e ragazze di età compresa tra i 9 ei 17 anni in sette province per valutare l’impatto delle restrizioni sull’istruzione.

Il sondaggio, condotto a maggio e giugno e pubblicato mercoledì, ha rilevato che oltre il 45% delle ragazze non va a scuola, rispetto al 20% dei ragazzi. Ha anche scoperto che il 26% delle ragazze mostra segni di depressione, rispetto al 16% dei ragazzi.

Quasi l’intera popolazione dell’Afghanistan è stata gettata nella povertà e milioni di persone non sono state in grado di sfamare le proprie famiglie quando il mondo ha interrotto i finanziamenti in risposta alla presa di potere dei talebani.

Insegnanti, genitori ed esperti avvertono tutti che le molteplici crisi del Paese, compreso il devastante crollo dell’economia, si stanno rivelando particolarmente dannose per le ragazze. I talebani hanno limitato il lavoro delle donne, le hanno incoraggiate a rimanere a casa e hanno emesso codici di abbigliamento che richiedono loro di coprirsi il viso, ad eccezione degli occhi, sebbene i codici non siano sempre applicati.

La comunità internazionale chiede che i talebani aprano scuole per tutte le ragazze, e gli Stati Uniti e l’UE hanno creato piani per pagare gli stipendi direttamente agli insegnanti afgani, mantenendo il settore in funzione senza destinare i fondi ai talebani.

Ma la questione dell’istruzione delle ragazze sembra essere stata intricata nelle differenze dietro le quinte tra i talebani. Alcuni nel movimento sostengono il ritorno delle ragazze a scuola, sia perché non vedono obiezioni religiose sia perché vogliono migliorare i legami con il mondo. Altri, in particolare gli anziani delle tribù rurali che costituiscono la spina dorsale del movimento, si oppongono fermamente.

Durante la loro prima volta al governo dell’Afghanistan negli anni ’90, i talebani hanno imposto restrizioni molto più severe alle donne, vietando la scuola a tutte le ragazze, vietando alle donne di lavorare e richiedendo loro di indossare un burka onnicomprensivo se uscivano.

Nei 20 anni successivi alla cacciata dei talebani dal potere nel 2001, un’intera generazione di donne è tornata a scuola e al lavoro, in particolare nelle aree urbane. Apparentemente riconoscendo questi cambiamenti, i talebani hanno rassicurato gli afgani quando hanno ripreso il controllo l’anno scorso che non sarebbero tornati alla mano pesante del passato.

I funzionari hanno pubblicamente insistito sul fatto che consentiranno alle ragazze adolescenti di tornare a scuola, ma affermano che è necessario tempo per impostare la logistica per una rigida segregazione di genere per garantire un “quadro islamico”.

Le speranze sono state sollevate a marzo: poco prima dell’inizio del nuovo anno scolastico, il ministero dell’Istruzione talebano ha proclamato che tutti sarebbero stati ammessi. Ma il 23 marzo, giorno della riapertura, la decisione è stata improvvisamente revocata, sorprendendo anche i funzionari del ministero. 

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere