03 Ott, 2022

Ultimi Articoli

Ucraina. Podolyak, la guerra va avanti e ai cittadini russi non importa nulla degli omicidi di massa

AgenPress – “La guerra in Ucraina va avanti da sei mesi, ma ai russi non interessano gli omicidi di massa dei nostri cittadini e le tragedie di Buch, Irpen e Mariupol. Solo parlare di un potenziale divieto di ingresso nell’UE ha fatto pensare alla responsabilità. Ecco perché è necessario introdurre restrizioni sui visti per i residenti della Federazione Russa”.

Lo scrive su Twitter, Mykhailo Podolyak, consigliere del capo dell’Ufficio del Presidente dell’Ucraina. 

“Perché sono necessarie restrizioni sui visti per i cittadini russi? Sei mesi di guerra hanno dimostrato che a loro non importa di omicidi di massa, città distrutte, ricatti nucleari, Bucha o Mariupol. Solo parlare della perdita dei visti è stato in grado di riportarli al consapevolezza della guerra e della responsabilità. E questo è il primo passo… verso una ribellione in Russia”, ha scritto Podolyak.

Si ricorda che cinque paesi hanno sostenuto il divieto di rilascio dei visti Schengen ai cittadini della Federazione Russa: Estonia, Lituania, Repubblica Ceca, Finlandia e Danimarca . Il primo paese dell’elenco ha già implementato  restrizioni all’ingresso.

In Russia, sullo sfondo di dichiarazioni simili, il numero di domande di visto Schengen è aumentato del 40% nelle ultime 2 settimane. E funzionari della Federazione Russa hanno minacciato di rispondere al divieto.

La Repubblica ceca, che presiede il Consiglio dell’Unione europea, proporrà  ai paesi dell’UE di porre fine al rilascio dei visti Schengen per i russi in una riunione di fine agosto. Secondo i rappresentanti statali, questa può essere una sanzione molto efficace.

 

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere