03 Dic, 2022

Ultimi Articoli

Ucraina. Ministero Esteri “deluso” da Macron che si rifiuta di parlare di “genocidio”

- Advertisement -

AgenPress – Il Ministero degli Affari Esteri (AMF) dell’Ucraina è deluso dal fatto che il presidente francese Emmanuel Macron non abbia osato chiamare genocidio le atrocità degli occupanti russi in Ucraina e ha anche spiegato perché la propaganda russa sul “popolo fraterno” è inappropriata. 

Lo afferma il portavoce del ministero degli Esteri Oleg Nikolenko, come riferisce il sito UNIAN.

“La riluttanza del presidente francese Emmanuel Macron a riconoscere il genocidio degli ucraini dopo tutte le dichiarazioni esplicite della leadership russa e le azioni criminali dell’esercito russo è deludente. Ucraina e Russia sono storicamente vicine per ragioni oggettive, ma il mito di due popoli fraterni di Russia e l’Ucraina si è sgretolato con il Donbass nel 2014. Poi i “fratelli” russi sarebbero venuti a proteggere la popolazione di lingua russa. Ma in otto anni, hanno ucciso 14mila ucraini “, ha spiegato a Macron in risposta.

Il diplomatico ha sottolineato che i miti sul popolo fraterno sono stati finalmente infranti quando i primi missili russi sono volati nelle città ucraine a febbraio.

I “fratelli” non uccidono i bambini, non sparano ai civili, non violentano le donne, non mutilano gli anziani e non distruggono le case di altri “fratelli”. “Anche i nemici più feroci non ricorrono alle atrocità contro persone indifese”, ha detto.

Il portavoce del ministero degli Esteri ha sottolineato che ora non ci sono motivi morali o reali per parlare di legami “fraterni” tra il popolo russo e quello ucraino.

 

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere