29 Set, 2022

Ultimi Articoli

“Taiwan è parte inalienabile”. La Cina accusa gli Usa di essere traditori. Sono diventati nemici di 1,4 mld di cinesi

AgenPressIl ministero degli Affari esteri cinese ha rilasciato martedì una dichiarazione sulla visita del presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti Nancy Pelosi nella regione cinese di Taiwan. Di seguito il testo integrale della dichiarazione:

Il 2 agosto, senza tener conto della forte opposizione e delle serie manifestazioni della Cina, il presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti Nancy Pelosi ha visitato la regione cinese di Taiwan. Si tratta di una grave violazione del principio della Cina unica e delle disposizioni dei tre comunicati congiunti Cina-USA. Ha un forte impatto sulle basi politiche delle relazioni Cina-USA e viola gravemente la sovranità e l’integrità territoriale della Cina. Minaccia gravemente la pace e la stabilità attraverso lo Stretto di Taiwan e invia un segnale gravemente sbagliato alle forze separatiste per “l’indipendenza di Taiwan”. La Cina si oppone fermamente e condanna severamente questo, e ha fatto seri passi e forti proteste negli Stati Uniti.

C’è una sola Cina al mondo, Taiwan è una parte inalienabile del territorio cinese e il governo della Repubblica popolare cinese è l’unico governo legale che rappresenta l’intera Cina. Ciò è stato chiaramente riconosciuto dalla risoluzione 2758 del 1971 dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Dalla fondazione della Repubblica popolare cinese nel 1949, 181 paesi hanno stabilito relazioni diplomatiche con la Cina sulla base del principio della Cina unica. Il principio della Cina unica è un consenso universale della comunità internazionale e una norma fondamentale nelle relazioni internazionali.

Nel 1979, gli Stati Uniti hanno assunto un chiaro impegno nel comunicato congiunto Cina-USA sull’instaurazione di relazioni diplomatiche: “Gli Stati Uniti d’America riconoscono il governo della Repubblica popolare cinese come l’unico governo legale della Cina. All’interno di questo contesto, il popolo degli Stati Uniti manterrà relazioni culturali, commerciali e di altro tipo non ufficiali con il popolo di Taiwan”. Il Congresso, in quanto parte del governo degli Stati Uniti, è intrinsecamente obbligato a osservare rigorosamente la politica dell’unica Cina del governo degli Stati Uniti e ad astenersi da qualsiasi scambio ufficiale con la regione cinese di Taiwan. La Cina è sempre stata contraria alla visita a Taiwan dei membri del Congresso degli Stati Uniti e il ramo esecutivo degli Stati Uniti ha la responsabilità di interrompere tale visita. Poiché il presidente Pelosi è il leader in carica del Congresso degli Stati Uniti, la sua visita e le sue attività a Taiwan, in qualsiasi forma e per qualsiasi motivo, sono una grande provocazione politica per migliorare gli scambi ufficiali degli Stati Uniti con Taiwan. La Cina non lo accetta assolutamente e il popolo cinese lo rifiuta assolutamente.

La questione di Taiwan è la questione più importante e più delicata al centro delle relazioni Cina-USA. Lo Stretto di Taiwan sta affrontando un nuovo ciclo di tensioni e gravi sfide, e la causa fondamentale sono le ripetute mosse delle autorità di Taiwan e degli Stati Uniti per cambiare lo status quo. Le autorità di Taiwan hanno continuato a cercare il sostegno degli Stati Uniti per il loro programma di indipendenza. Si rifiutano di riconoscere il consenso del 1992, fanno di tutto per portare avanti la “desinizzazione” e promuovere “l’indipendenza incrementale”. Gli Stati Uniti, dal canto loro, hanno tentato di utilizzare Taiwan per contenere la Cina. Distorce, oscura e svuota costantemente il principio della Cina unica, intensifica i suoi scambi ufficiali con Taiwan e incoraggia le attività separatiste dell'”indipendenza di Taiwan”. Queste mosse, come giocare con il fuoco, sono estremamente pericolosi. Coloro che giocano con il fuoco periranno per esso.

Cina e Stati Uniti sono due grandi paesi. Il modo giusto per trattare tra loro risiede solo nel rispetto reciproco, nella convivenza pacifica, nel non confronto e nella cooperazione vantaggiosa per tutti. La questione di Taiwan è puramente un affare interno della Cina e nessun altro paese ha il diritto di agire come giudice sulla questione di Taiwan. La Cina esorta vivamente gli Stati Uniti a smettere di giocare la “carta Taiwan” e utilizzare Taiwan per contenere la Cina. Dovrebbe smettere di intromettersi su Taiwan e di interferire negli affari interni della Cina. Dovrebbe smettere di sostenere e connivenza con le forze separatiste di “indipendenza di Taiwan” in qualsiasi forma. Dovrebbe smettere di dire una cosa ma fare il contrario sulla questione di Taiwan. Dovrebbe smettere di distorcere, oscurare e svuotare il principio della Cina unica.

Wang Yi, in una nota, ha detto che il principio della Unica Cina “è il consenso universale, la base politica per gli scambi della Cina con altri Paesi, il nucleo di interessi fondamentali e una linea rossa e di fondo insormontabili”. Alcuni politici “si preoccupano solo dei propri interessi, giocano apertamente con il fuoco su Taiwan e diventano nemici di 1,4 miliardi di cinesi che non finiranno mai bene”.

La posizione del governo e del popolo cinese sulla questione di Taiwan è stata coerente. È il fermo impegno degli oltre 1,4 miliardi di cinesi a salvaguardare risolutamente la sovranità statale e l’integrità territoriale. È aspirazione comune e sacra responsabilità di tutti i figli e le figlie cinesi realizzare la completa riunificazione della madrepatria. La volontà del popolo non deve essere sfidata e la tendenza dei tempi non può essere invertita. Nessun paese, nessuna forza e nessun individuo dovrebbero mai sottovalutare la ferma determinazione, la forte volontà e la grande capacità del governo e del popolo cinese di difendere la sovranità statale e l’integrità territoriale e di ottenere la riunificazione e il ringiovanimento nazionale. La Cina adotterà sicuramente tutte le misure necessarie per salvaguardare risolutamente la propria sovranità e integrità territoriale in risposta alla visita del presidente degli Stati Uniti. Tutte le conseguenze che ne derivano devono essere sopportate dalla parte statunitense e dalle forze separatiste dell'”indipendenza di Taiwan”.

 

 

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere