26 Nov, 2022

Ultimi Articoli

La Russia abbandonerà la Stazione Spaziale Internazionale dopo il 2024

- Advertisement -

AgenPress – La Russia si ritirerà dalla Stazione Spaziale Internazionale dopo il 2024 e si concentrerà sulla costruzione del proprio avamposto in orbita, ha detto martedì il nuovo capo spaziale del Paese tra le alte tensioni tra Mosca e l’Occidente per i combattimenti in Ucraina.

L’annuncio, sebbene non inaspettato, mette in discussione il futuro della stazione spaziale di 24 anni, con gli esperti che affermano che sarebbe estremamente difficile – forse un “incubo”, secondo alcuni – mantenerla in funzione senza i russi. La NASA e i suoi partner speravano di continuare a gestirlo fino al 2030.

“La decisione di lasciare la stazione dopo il 2024 è stata presa”, ha detto Yuri Borisov, nominato questo mese alla guida dell’agenzia spaziale russa Roscosmos, durante un incontro con il presidente Vladimir Putin. Ha aggiunto: “Penso che a quel punto inizieremo a formare una stazione orbitante russa”.

La stazione spaziale è stata a lungo un simbolo del lavoro di squadra internazionale del dopo Guerra Fredda in nome della scienza, ma ora è una delle ultime aree di cooperazione tra gli Stati Uniti e il Cremlino.

I funzionari della NASA hanno affermato di non aver ancora sentito direttamente dalle loro controparti russe sulla questione. L’amministratore della NASA Bill Nelson ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma che l’agenzia era “impegnata per il funzionamento sicuro” della stazione spaziale fino al 2030 e continua a “costruire capacità future per garantire la nostra maggiore presenza nell’orbita terrestre bassa”.

Il portavoce del Dipartimento di Stato americano Ned Price ha definito l’annuncio “uno sviluppo sfortunato” data la “preziosa collaborazione professionale che le nostre agenzie spaziali hanno avuto nel corso degli anni”. Il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale John Kirby ha affermato che gli Stati Uniti stanno “esplorando le opzioni” per affrontare un ritiro russo.

La dichiarazione di Borisov ha riaffermato le precedenti dichiarazioni dei funzionari spaziali russi sull’intenzione di Mosca di lasciare la stazione spaziale dopo il 2024, quando gli attuali accordi internazionali per la sua operazione termineranno.

I funzionari russi hanno parlato a lungo del loro desiderio di lanciare la propria stazione spaziale e si sono lamentati del fatto che l’usura della vecchia Stazione Spaziale Internazionale sta compromettendo la sicurezza e potrebbe rendere difficile il prolungamento della sua durata.

La stazione spaziale è gestita congiuntamente da Russia, Stati Uniti, Europa, Giappone e Canada. Il primo pezzo è stato messo in orbita nel 1998 e l’avamposto è stato abitato ininterrottamente per quasi 22 anni. Viene utilizzato per condurre ricerche scientifiche a gravità zero e testare la tecnologia per futuri viaggi sulla luna e su Marte.

In genere ha un equipaggio di sette persone, che trascorrono mesi alla volta a bordo della stazione mentre orbita a circa 260 miglia (420 chilometri) sopra la Terra. A bordo ora tre russi, tre americani e un italiano.

Il complesso da oltre 100 miliardi di dollari è lungo circa quanto un campo da calcio ed è composto da due sezioni principali, una gestita dalla Russia, l’altra dagli Stati Uniti e dagli altri paesi. Non è stato immediatamente chiaro cosa si dovrà fare sul lato russo del complesso per far funzionare in sicurezza la stazione spaziale una volta che Mosca si sarà ritirata.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere