05 Ott, 2022

Ultimi Articoli

La prima nave di grano partita dall’Ucraina per il Corno d’Africa è arrivata a Gibuti

AgenPress – La prima nave che trasporta grano dall’Ucraina per le persone nelle parti più affamate del mondo è attraccata al porto di Gibuti nel Corno d’Africa, poiché le aree dell’Africa orientale sono gravemente colpite da siccità  e conflitti.

Gli esperti di sicurezza alimentare lo definiscono una goccia nel mare per i vasti bisogni nei paesi del Corno più colpiti come Somalia, Kenya ed Etiopia, la nazione in cui sta andando questa prima spedizione. Ma si prevede che il flusso di grano dall’Ucraina verso altre parti affamate del mondo continuerà, con un’altra nave in partenza martedì per lo Yemen. Il Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite ha affermato che sta lavorando su più navi.

Il WFP afferma che questo primo carico di grano sarà spedito via terra nel nord dell’Etiopia, dove milioni di persone sono state colpite dal conflitto nel Tigray.

Il modo in cui il grano raggiungerà il Tigray è ora in discussione poiché le consegne umanitarie su strada e via aerea sono state sospese a causa dei combattimenti scoppiati di nuovo la scorsa settimana tra le forze del Tigray e quelle etiopi. Ma si prevede che ne trarranno vantaggio anche le vicine regioni etiopi di Amhara e Afar.

Il WFP ha affermato che le 23.000 tonnellate di grano sulla prima nave sono sufficienti per sfamare 1,5 milioni di persone con razioni complete per un mese. Ma le Nazioni Unite hanno affermato che 2,4 milioni nel solo Tigray sono gravemente insicure dal punto di vista alimentare e che 20 milioni di persone in tutta l’Etiopia affrontano la fame.

Milioni di altre persone nella regione del Corno d’Africa stanno soffrendo la fame a causa della siccità e migliaia sono morte. La Somalia è stata particolarmente colpita perché ha acquistato almeno il 90% del suo grano dall’Ucraina e dalla Russia prima che la Russia invadesse l’Ucraina a febbraio.

Milioni di tonnellate di cibo sono necessarie per il Corno d’Africa, ha affermato il WFP. “Solo in Etiopia, tre quarti di tutto ciò che distribuivamo proveniva da Ucraina e Russia”, ha affermato il direttore regionale Michael Dunford.

Gli esperti di sicurezza alimentare hanno affermato che ci vorranno settimane prima che le persone nei paesi africani vedano arrivare il grano dall’Ucraina e ancora più tempo per vederlo abbassare i prezzi alimentari elevati che sono stati fonte di disperazione e proteste in più nazioni.

Molte più navi che trasportano grano dai porti riaperti dell’Ucraina sono andate in luoghi più ricchi come l’Europa man mano che i contratti commerciali esistenti vengono rispettati. A partire da domenica, 114 navi che trasportavano oltre 1,2 milioni di tonnellate di prodotti alimentari avevano lasciato l’Ucraina, ha affermato il WFP, ma “i volumi delle esportazioni rimangono molto al di sotto delle medie prebelliche”.

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere