29 Set, 2022

Ultimi Articoli

Hong Kong. Nuova azione giudiziaria dell’attivista LGBT Jimmy Sham per far riconoscere coppie stesso sesso

AgenPress – L’attivista LGBT Jimmy Sham ha lanciato una nuova azione giudiziaria per costringere Hong Kong a riconoscere lo stato delle coppie dello stesso sesso che si sono sposate all’estero, con il suo avvocato che sostiene che il trattamento differenziato rispetto alle coppie eterosessuali viola il diritto delle persone all’uguaglianza.

Sham, che ha fallito nella sua impugnazione giudiziaria iniziale nel settembre 2020 , ha presentato ricorso contro la sentenza del tribunale di grado inferiore davanti a un collegio di tre giudici composto dal giudice capo dell’Alta Corte Poon Shiu-chor, dal vicepresidente della Corte d’appello Susan Kwan e dal giudice di Appello Carlye Chu.

Sham è attualmente detenuto ai sensi della legge sulla sicurezza nazionale per cospirazione volta a commettere sovversione organizzando o prendendo parte a elezioni primarie democratiche non ufficiali nel luglio 2020. Non ha partecipato all’udienza di giovedì e tutti i rappresentanti legali hanno anche partecipato a distanza in videoconferenza.

L’avvocato dell’attivista Hectar Pun ha affermato che le coppie dello stesso sesso hanno esigenze simili alle loro controparti eterosessuali in termini di riconoscimento della loro relazione, specialmente quando si tratta della discriminazione quotidiana che le coppie omosessuali devono affrontare, ad esempio nel gestire le cure mediche e problemi abitativi.

Ha detto che era un trattamento differenziato per Hong Kong riconoscere i matrimoni eterosessuali all’estero ma non quelli delle coppie omosessuali, aggiungendo che implicava che le relazioni omosessuali avevano meno valore. Ciò ha violato il principio che tutti i residenti dovrebbero essere trattati allo stesso modo come prescritto dalla Legge fondamentale e dalla Carta dei diritti di Hong Kong.

L’articolo 37 della Legge fondamentale afferma che “la libertà di matrimonio dei residenti di Hong Kong e il loro diritto a crescere liberamente una famiglia sono protetti dalla legge”. Il gioco di parole ha affermato che la disposizione non specificava che la protezione fosse solo per i residenti eterosessuali.

Il gioco di parole ha aggiunto che l’orientamento sessuale di una persona è una “caratteristica personale” che non può essere modificata e che tale riconoscimento non danneggia il sistema matrimoniale esistente.

“Il concetto tradizionale di matrimonio è sufficientemente protetto dalla legge e non vediamo come il riconoscimento del matrimonio omosessuale all’estero lo minerebbe”, ha detto Pun.

Stewart Wong, per il Dipartimento di Giustizia, ha affermato che l’articolo 37 protegge i matrimoni eterosessuali solo perché l’ordinanza sul matrimonio della città stabilisce che un matrimonio è tra un uomo e una donna. Quindi il tribunale non aveva alcun obbligo di tutelare anche il diritto al matrimonio delle coppie dello stesso sesso.

Wong ha aggiunto che non riconoscere il matrimonio omosessuale aveva lo scopo di proteggere il matrimonio e il sistema familiare esistenti.

Il tribunale emetterà una sentenza entro sei mesi.

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere