08 Dic, 2022

Ultimi Articoli

Donald Trump invoca i diritti del 5° emendamento e rifiuta di rispondere al procuratore generale di New York

- Advertisement -

AgenPress – L’ex presidente Donald Trump ha invocato i suoi diritti sul quinto emendamento e ha rifiutato di rispondere alle domande del procuratore generale di New York in una deposizione programmata mercoledì.

“Sotto il consiglio del mio avvocato e per tutti i motivi di cui sopra, ho rifiutato di rispondere alle domande sui diritti e i privilegi concessi a ogni cittadino dalla Costituzione degli Stati Uniti”, ha affermato Trump in una nota.
Trump doveva essere deposto dagli avvocati dell’ufficio del procuratore generale di New York Letitia James nell’ambito di un’indagine civile durata più di tre anni per verificare se l’organizzazione Trump avesse ingannato prestatori, assicuratori e autorità fiscali fornendo loro bilanci ingannevoli.
Trump ha detto in un post su Truth Social mercoledì mattina che avrebbe “veduto” James “per una continuazione della più grande caccia alle streghe nella storia degli Stati Uniti! La mia grande compagnia e me stesso siamo stati attaccati da tutte le parti. Banana Republic!”
Trump è stato visto lasciare la Trump Tower a New York City mercoledì mattina e il suo corteo è arrivato all’ufficio del procuratore generale di New York poco dopo.
La deposizione programmata giunge durante una settimana legale straordinaria per l’ex presidente. 
Lunedì, l’FBI ha eseguito un mandato di perquisizione a Mar-a-Lago , la sua residenza principale in Florida, in relazione a un’indagine sul trattamento di documenti riservati. Martedì, una corte d’appello federale ha negato il suo sforzo di lunga data per impedire a una commissione della Camera di ottenere le sue dichiarazioni dei redditi.
Alcuni consiglieri di Trump avevano sostenuto che l’ex presidente rispondesse alle domande poiché in precedenza aveva testimoniato sui suoi rendiconti finanziari sotto giuramento, mentre altri lo avevano messo in guardia dal fornire risposte a causa del potenziale pericolo legale che potrebbe dover affrontare, hanno detto alla CNN persone che hanno familiarità con la questione. Il procuratore distrettuale di Manhattan ha un’indagine penale separata in corso sull’Organizzazione Trump.
Un’altra considerazione che è stata discussa, dicono le persone familiari, sono le implicazioni politiche del non rispondere alle domande poiché è ampiamente previsto che Trump annunci che si candiderà alla presidenza nel 2024. Durante la campagna elettorale nel 2016, Trump ha suggerito che non rispondere alle domande era un segno di colpevolezza. A una tappa della campagna in Iowa nel 2016, Trump ha detto: “Se sei innocente, perché stai accettando il Quinto Emendamento?”
Nella sua dichiarazione di mercoledì, Trump ha detto: “Ora conosco la risposta a questa domanda” e ha denunciato l’indagine di James. L’ex presidente e la Trump Organization hanno precedentemente negato qualsiasi illecito.
“Quando la tua famiglia, la tua azienda e tutte le persone nella tua orbita sono diventati il ​​bersaglio di una caccia alle streghe infondata e politicamente motivata supportata da avvocati, pubblici ministeri e Fake News Media, non hai scelta”, ha affermato l’ex presidente.
Il quinto emendamento garantisce che un individuo non possa essere obbligato dal governo a fornire informazioni che potrebbero incriminarlo contro se stesso. Quando un individuo rifiuta di rispondere a una domanda “prendendo il quinto”, invoca quel diritto. Non è un’ammissione di colpa.
“Nessuno deve… essere obbligato in qualsiasi procedimento penale a testimoniare contro se stesso”, afferma il Quinto Emendamento.
La deposizione di Ivanka Trump è avvenuta la scorsa settimana e Trump Jr. ha avuto la sua deposizione a fine luglio, hanno detto persone che hanno familiarità con la questione.
Trump Jr., che gestisce la Trump Organization con suo fratello Eric Trump, e Ivanka Trump non hanno rivendicato i loro diritti del quinto emendamento e hanno risposto alle domande dello stato, ha detto la gente. Non è chiaro cosa sia stato specificamente chiesto o cosa abbiano detto.
La loro decisione rompe con Eric Trump e l’ex direttore finanziario della Trump Organization Allen Weisselberg, che hanno entrambi affermato i loro diritti sul quinto emendamento più di 500 volte quando sono stati deposti nel 2020.
Trump ha testimoniato sotto giuramento in cause civili negli ultimi decenni e da quando ha lasciato l’incarico è stato anche deposto. L’anno scorso ha fornito una testimonianza videoregistrata per una causa che coinvolge un’aggressione fuori dalla Trump Tower. Il caso sarà processato in autunno. Trump ha negato ogni illecito.
Trump è stato interrogato sull’accuratezza del suo patrimonio netto e dei suoi rendiconti finanziari in precedenti cause legali, qualcosa che secondo alcuni consulenti è uno dei motivi per cui dovrebbe rispondere alle domande nell’attuale indagine.
In una deposizione del 2007 in una causa per diffamazione, Trump una volta ha detto di aver calcolato il suo patrimonio netto, in una certa misura, sui suoi “sentimenti” e di aver dato il “miglior giro” ad alcuni dei beni. “Penso che tutti” esagerino sul valore delle loro proprietà, ha testimoniato, aggiungendo: “Chi non lo farebbe?”
Ha gonfiato i valori? “Non oltre la ragione”, ha detto Trump.
In passato Trump ha cercato di trasferire la responsabilità delle sue decisioni di valutazione su Weisselberg, mentre allo stesso tempo documenti e deposizioni sembrano dimostrare che, anche se Trump ha affermato di aver lasciato quelle decisioni di valutazione ad altri, era anche profondamente coinvolto nella gestione i suoi affari.
Trump ha affermato nella deposizione del 2007 che l’unica persona con cui ha avuto a che fare nella preparazione dei rendiconti finanziari era Weisselberg.
“Darei la mia opinione”, ha detto Trump nella deposizione. “Ne parleremo”, ha detto, aggiungendo che “alla fine” e “prevalentemente” è stato Weisselberg a trovare i valori finali, che Trump ha detto di considerare “conservatori”.
Interrogato specificamente sulle oscillazioni dei valori da un anno all’altro, Trump ha avuto spiegazioni pronte.
Durante la deposizione, Trump è stato interrogato sul complesso di famiglia nella contea di Westchester, New York, chiamato Seven Springs, dove il suo valore è quasi raddoppiato in un anno da $ 80 milioni nel 2005 a $ 150 milioni nel 2006.
“La proprietà aveva un valore molto basso, secondo me, ed è diventata molto – è appena aumentata”, ha detto Trump.
Gli è stato chiesto se avesse una base per tale punto di vista, oltre alla propria opinione.
“Non credo, no”, ha detto.
Oltre a Weisselberg, altri due coinvolti nella preparazione del bilancio, Jeff McConney, il controller della Trump Organization, e Donald Bender, il contabile esterno della società immobiliare, sono stati entrambi intervistati dall’ufficio del procuratore generale e dal procuratore distrettuale di Manhattan.
- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere