30 Set, 2022

Ultimi Articoli

Alabama. Non gli trovano la vena per l’iniezione letale. Sospesa condanna a morte

AgenPress – Alan Eugene Miller doveva essere giustiziato giovedì notte nello stato dell’Alabama per la sparatoria del 5 agosto 1999 che ha provocato la morte di tre uomini nella contea di Shelby. 

L’esecuzione è stata annullata intorno alle 23:30 perché non è stato possibile trovare le vene  entro i limiti di tempo del protocollo di esecuzione, ha detto il commissario del Dipartimento di correzione dell’Alabama John Hamm ai giornalisti riuniti presso il centro multimediale del sistema carcerario.

Miller, 57 anni, è stato riportato nel braccio della morte. Hamm ha detto che le famiglie delle vittime sono state informate della decisione di annullare l’esecuzione e che il governatore Kay Ivey stava inviando i suoi pensieri e le sue preghiere alle famiglie delle vittime.
“A causa dei limiti di tempo che hanno determinato il ritardo del procedimento giudiziario, l’esecuzione è stata annullata una volta stabilito che non era possibile accedere alle vene del condannato in conformità con il nostro protocollo prima della scadenza della condanna a morte”, ha detto Hamm.

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha emesso una sentenza poco dopo le 21:00, concedendo allo stato quasi tre ore per condurre l’esecuzione prima della scadenza della condanna a morte.

Hamm ha detto che la squadra di esecuzione ha iniziato a provare ad accedere alle vene di Miller per inserire le linee endovenose per il cocktail di tre farmaci per iniezione letale, ma non è sicuro per quanto tempo la squadra ha lavorato per cercare di accedere a una vena. “Non sono sicuro… non stavo guardando quello. Eravamo più concentrati sul momento in cui il tribunale, la Corte Suprema, ha inviato il loro ordine. Prima di iniziare ad accedere alle vene, dobbiamo fare altre cose che richiedono tempo”.

Alla pressione di ciò che veniva fatto durante quel periodo di quasi tre ore, Hamm non elaborava. “Come ho detto, ci sono diverse cose che dobbiamo fare prima ancora di iniziare ad accedere alle vene. E ci è voluto un po’ più di quanto ci aspettassimo”.

Ivey ha rilasciato una dichiarazione poco dopo l’annuncio della cancellazione.

“In Alabama, ci impegniamo per la legge e l’ordine e per difendere la giustizia. Nonostante le circostanze che hanno portato alla cancellazione di questa esecuzione, nulla cambierà il fatto che una giuria ha ascoltato le prove di questo caso e ha preso una decisione”, ha affermato il governatore. “Non cambia il fatto che il signor Miller non abbia mai contestato i suoi crimini. E non cambia il fatto che tre famiglie siano ancora in lutto. Sappiamo tutti bene che Michael Holdbrooks, Terry Lee Jarvis e Christopher Scott Yancey non hanno scelto di morire per i proiettili al petto. Stanotte, le mie preghiere sono con le famiglie delle vittime e i loro cari mentre sono costretti a continuare a rivivere il dolore della loro perdita”.

Hamm ha visitato le famiglie delle vittime prima di annunciare la cancellazione e ha trasmesso le preghiere e le preoccupazioni del governatore. Un portavoce ha affermato che Ivey “prevede che l’esecuzione verrà ripristinata il prima possibile”.

L’esecuzione di Miller, 57 anni, era stata precedentemente bloccata da un’ordinanza di un giudice federale dopo che i suoi legali avevano obiettato che lo stato aveva perso la documentazione in cui si chiedeva che fosse messo a morte con ipossia da azoto, ossia provocando asfissia per totale mancanza di ossigeno, un metodo legale ma mai usato prima negli Stati Uniti.

L’Alabama non è attualmente pronta per eseguire una tale esecuzione, ha detto Hamm in una dichiarazione giurata. L’ammissione arriva pochi giorni dopo che il vice procuratore generale dell’Alabama James Houts ha affermato che era “molto probabile” che lo stato potesse giustiziare Miller  usando l’ipossia da azoto se la corte avesse ritenuto necessario il cambio di metodo.

 

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere