03 Ott, 2022

Ultimi Articoli

Afghanistan. E’ il paese più repressivo del mondo. I talebani hanno reso invisibili le donne. Diritti vietati

AgenPress – Dopo il crollo del governo repubblicano, l’Afghanistan ha subito cambiamenti nell’area dei diritti umani, in particolare quelli delle donne e delle ragazze.

Le restrizioni sui diritti delle donne, i decreti sull’hijab e le proteste civili sono stati alcuni dei cambiamenti che hanno suscitato critiche nazionali e internazionali.

Quando l’Emirato islamico è salito al potere, alla maggior parte delle donne è stato vietato di lavorare nelle agenzie governative e anche la loro presenza in altre istituzioni è diminuita.

Uno dei problemi che ha portato alle proteste è stato il passaggio del Ministero degli affari femminili al Ministero della virtù e del vizio.

“La lunga storia della partecipazione delle donne alla sfera politica, sociale, economica e culturale dell’Afghanistan ha dimostrato che rappresentano la metà della popolazione capace dell’Afghanistan”, ha affermato Najia Anwari, portavoce del ministero di Stato per gli affari di pace nel governo precedente.

Le donne sono spesso scese in piazza per criticare le politiche dell’Emirato islamico durante l’ultimo anno. Di conseguenza, l’Emirato islamico ne ha arrestato alcuni, il che ha suscitato reazioni sia all’interno che all’esterno della nazione.

“La prima cosa che hanno fatto è stata isolare le donne dalla società”, ha detto Khatera Hesar, attivista per i diritti delle donne.

“Le donne sono private di tutti i loro diritti umani, compreso il diritto al lavoro, il diritto al coinvolgimento politico, il diritto all’istruzione e il diritto alle libertà civili”, ha affermato Fawzia Kofi, capo del Mawj-e-Tahawul-e -Partito dell’Afghanistan.

La leadership dell’Emirato islamico ha emesso una serie di decreti riguardanti le donne nel Paese nel corso degli ultimi 12 mesi.

Il 3 dicembre 2021, il leader dell’Emirato islamico ha emesso il primo decreto in sei articoli, sottolineando la previsione dei diritti delle donne sulla base della Sharia islamica.

Secondo questo decreto, nessuno ha l’autorità di dare una donna a qualcuno in cambio della pace o della risoluzione di una controversia.

Il 7 maggio 2022 il Ministero delle Virtù e del Vizio ha emesso un secondo decreto che richiede l’hijab per le donne. In uno dei suoi articoli, i tutori delle donne che disobbediscono al decreto saranno puniti e incarcerati.

“Se una donna non indossa l’hijab, in primo luogo, verrà individuata la sua casa e il suo tutore verrà avvisato e avvertito. Successivamente, se l’hijab non viene preso in considerazione, verrà convocato il suo tutore. Se ripetuto, il suo tutore (padre, fratello o marito) sarà incarcerato per tre giorni. Se ripetuto di nuovo, il suo tutore sarà inviato in tribunale per ulteriori punizioni, si legge nel piano”, ha affermato Akif Mahajar, portavoce del Ministero del vizio e della virtù.

Donne e paesi di tutto il mondo, comprese le organizzazioni internazionali, hanno reagito ai decreti dell’Emirato islamico sull’hijab femminile.

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres si è detto “allarmato” dal fatto che “le donne devono coprirsi il viso in pubblico e uscire di casa solo in caso di necessità. Esorto ancora una volta i talebani a mantenere le promesse fatte alle donne e alle ragazze afghane e i loro obblighi secondo il diritto internazionale dei diritti umani”.

“Contrariamente agli impegni dei talebani, nelle ultime tre settimane a molte donne è stato vietato di recarsi al lavoro e vengono emarginate. In molte zone non è nemmeno permesso loro di uscire di casa senza un Muharram”, ha affermato Michel Bachelet, l’alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani.

La chiusura della Commissione indipendente per i diritti umani, le notizie di uccisioni extragiudiziali in alcune province, il futuro incerto degli studenti nelle università pubbliche, le restrizioni alle attività delle donne, il trattamento riservato dai militari alle proteste civili e le difficoltà incontrate dai difensori dei diritti umani sono ulteriori preoccupazioni per i diritti umani che ha spinto le Nazioni Unite e gli Stati Uniti a inviare tre inviati speciali per monitorare questi eventi in Afghanistan.

“Chiedo alle autorità de facto di invertire immediatamente le politiche e le direttive che hanno un impatto negativo sulle donne e di dare la priorità ai diritti delle donne e delle ragazze a una partecipazione equa all’istruzione, al lavoro e a tutti gli altri aspetti della vita pubblica”, ha affermato il relatore speciale delle Nazioni Unite sui diritti umani in Afghanistan, Richard Bennett.

L’inviata speciale degli Stati Uniti per i diritti umani e le donne in Afghanistan, Rina Amiri, ha affermato che non vi è alcun motivo per cui le ragazze non vanno a scuola e “quello che continua a mantenere in vigore le sanzioni sono le politiche dei talebani contro la popolazione afgana. I talebani hanno reso invisibili le donne afghane”.

“È il regime più repressivo del mondo. È una situazione che le donne afghane descrivono come apartheid di genere. È la peggiore situazione del mondo”, ha detto. “Non esiste un Paese a maggioranza musulmana al mondo che sostiene” le azioni dell’Emirato islamico, ha aggiunto.

Negli ultimi giorni che hanno preceduto l’anniversario del governo dell’Emirato islamico sull’Afghanistan, un gruppo di donne a Kabul ha protestato ancora una volta contro le politiche dell’attuale amministrazione, compresa l’imposizione di restrizioni alle donne e la terribile situazione economica del Paese.

“Abbiamo fatto una protesta. I talebani hanno violato la nostra protesta. Hanno sparato in aria e hanno trattenuto le ragazze per circa due o tre ore. (Le forze dell’Emirato islamico) hanno sequestrato i loro telefoni”, ha detto un manifestante.

“Le donne afghane non toglieranno le mani dalle loro lotte e lotte”, ha detto un manifestante.

Ma nonostante ciò, l’Emirato islamico dell’Afghanistan ha una visione diversa della situazione dei diritti umani, in particolare dei diritti delle donne e delle ragazze nel Paese.

“La situazione dei diritti umani nel nostro Paese è migliorata in ogni modo dall’arrivo dell’Emirato islamico, e con l’arrivo dell’Emirato islamico sono cessati omicidi e conflitti”, ha affermato Bilal Karimi, vice portavoce dell’Emirato islamico.

Nonostante le ripetute richieste di interazione e riconoscimento da parte dei leader dell’Emirato islamico nell’ultimo anno, l’obiettivo di molti paesi, in particolare gli Stati Uniti e le nazioni europee, è stato quello di proteggere i diritti delle donne e di difendere i diritti umani.

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere