29 Set, 2022

Ultimi Articoli

Zaporizhzhia. Missione Aiea alla centrale nucleare. Grossi: “le cose chiave che dovevo vedere, le ho viste”

AgenPress – Il team Aiea è arrivato alla centrale nucleare ucraina di Zaporizhzhia in missione per salvaguardarla dalla catastrofe nucleare,  raggiungendo il sito durante i combattimenti tra le forze russe e ucraine che hanno provocato la chiusura di un reattore e hanno sottolineato l’urgenza di l’obiettivo.

La visita della delegazione di 14 esperti dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica è arrivata dopo mesi di trattative per entrare nella più grande centrale nucleare d’Europa. Arrivati ​​in un convoglio di SUV e furgoni, gli ispettori sono stati guidati dal direttore dell’AIEA Rafael Grossi.

Nel corso della giornata, Grossi ha riferito che il gruppo aveva raccolto informazioni importanti presso lo stabilimento e avrebbe continuato la sua valutazione. La visita dovrebbe proseguire fino a sabato.

“Le cose chiave che volevo vedere, le ho viste”, ha detto Grossi. Ha detto del personale di Zaporizhzhia: “Nonostante una situazione e circostanze difficili, sono molto professionali nel loro lavoro. Siamo riusciti, in queste poche ore, a raccogliere tante, tante informazioni. Le cose chiave che dovevo vedere, le ho viste”. 

Mentre gli esperti si facevano strada attraverso la zona di guerra verso il complesso, Russia e Ucraina si sono accusate a vicenda di bombardare l’area e di aver tentato di far fallire la visita. Il pesante bombardamento ha ritardato l’avanzamento della squadra verso l’impianto.

Energoatom, la compagnia nucleare statale ucraina, ha affermato che i colpi di mortaio russo hanno portato alla chiusura di uno dei suoi reattori a causa del suo sistema di protezione di emergenza e hanno danneggiato una linea di alimentazione di riserva utilizzata per le esigenze interne. Uno dei reattori dell’impianto che non funzionava è stato commutato su generatori diesel.

“C’è stato un aumento dell’attività militare, anche questa mattina fino a tempi molto recenti”, ha detto Grossi durante il viaggio, aggiungendo che dopo essere stato informato dall’esercito ucraino ha deciso di continuare a muoversi nonostante i rischi. “Soppesando i pro ei contro e arrivando così lontano, non ci fermiamo”.

Lo stabilimento di Zaporizhzhia è stato occupato dalle forze russe ma gestito da ingegneri ucraini sin dai primi giorni della guerra di 6 mesi. L’Ucraina sostiene che la Russia sta usando l’impianto come scudo, immagazzinando armi lì e lanciando attacchi intorno ad esso, mentre Mosca accusa l’Ucraina di sparare incautamente sull’area.

 

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere