29 Set, 2022

Ultimi Articoli

Ucraina. Zelensky, riprenderemo la Crimea con “qualsiasi mezzo” che riterremo giusti, senza consultare altri paesi

AgenPress – “E’ necessario che la Crimea sia liberata perché si arrivi davvero alla vittoria, perché il diritto internazionale sia ristabilito: tutto è iniziato in Crimea e deve finire in Crimea”.

Lo ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky aprendo il secondo summit della Piattaforma di Crimea, alla quale prendono parte molti leader occidentali, tra cui il presidente polacco Andrei Duda e la presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen. “Cari cittadini della Crimea e in Crimea: so che la Crimea sta aspettando di rientrare in Ucraina e lo faremo”.

“Le bandiere blu e gialle” dell’Ucraina “sventoleranno di nuovo a casa, dove hanno il diritto di essere, in tutti i villaggi e le città dell’Ucraina temporaneamente occupati”.

“Non riconosceremo mai i colori di qualcun altro sulla nostra terra e nel nostro cielo. Siamo sempre pronti a difendere la nostra bandiera gialla e blu”, ha affermato Zelensky ribadendo che l’Ucraina riprenderà la Crimea occupata dai russi con qualsiasi mezzo lo ritenga necessario.

“Riprenderemo la Crimea con tutti i mezzi che riterremo giusti, senza consultare altri paesi”, ha detto ai giornalisti dopo i colloqui al vertice di Kiev incentrati sulla Crimea. La maggior parte dei leader ha partecipato tramite videochiamata.

La Russia ha annesso la Crimea nel 2014 e quest’anno ha utilizzato la penisola come trampolino di lancio per la sua invasione su vasta scala dell’Ucraina.

Zelensky ha anche affermato che i russi ci hanno provato, ma non sono riusciti a disconnettere la centrale nucleare di Zaporizhzhia dalla rete elettrica ucraina. C’è stato un bombardamento sul sito dell’enorme installazione nell’Ucraina meridionale, sequestrata dalle forze russe a marzo.

Zelensky ha detto di non aver visto alcun segno della prontezza russa al negoziato.

“Non stanno pensando a nessun dialogo, hanno deciso di occupare il nostro Paese, proprio come nel 2014 hanno preso questa decisione”.

“Dato che il mondo non li ha colpiti in faccia, hanno deciso di andare oltre, ma ora li stiamo colpendo in faccia”.

Alla domanda sull’assistenza militare occidentale per l’Ucraina, ha detto che le sue forze avevano bisogno di più artiglieria da 155 mm e veicoli corazzati – “il maggior numero possibile”.

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere