30 Set, 2022

Ultimi Articoli

Ucraina. 215 difensori di Azovstal rilasciati dai russi in cambio di Medvedchuk, padrino del figlio di Putin

AgenPress – Un totale di 215 difensori dell’acciaieria Azovstal di Mariupol, ultima roccaforte ucraina nell’area, detenuti dai russi, sono stati liberati nell’ambito di un massiccio sforzo per lo scambio di prigionieri. Lo ha detto il capo dell’ufficio del presidente, Andriy Yermak, secondo quanto riferisce Ukrinform.

Sono stati scambiati con  il politico dell’opposizione ucraina pro-Cremlino Viktor Medvedchuk, che è stato catturato ad aprile.

“All’inizio, ci è stato offerto di restituire 50 delle nostre persone in cambio di una di quelle nel centro di detenzione del Servizio di sicurezza ucraino. Abbiamo parlato. Abbiamo insistito. Il numero di 50 è aumentato a 200”, ha detto Zelensky.

Vasyl Maliuk, il capo ad interim del servizio di sicurezza ucraino, ha affermato che Medvedchuk “non è solo un padrino del figlio di Putin, ma anche un traditore da noi documentato”.

“Inoltre, mentre lavoravamo al caso Medvedchuk, abbiamo neutralizzato più reti di agenti, arrestato più traditori e ricevuto molte informazioni preziose che stiamo usando per il controspionaggio e ci avvicineranno alla nostra vittoria”, ha aggiunto Maliuk.

Cinque comandanti ucraini sono stati inclusi nello scambio di prigionieri, così come 55 prigionieri da inviare in Russia.

Non è chiaro se i 55 prigionieri siano tutti russi o filo-russi, ma Zelensky li ha descritti come persone “che hanno combattuto contro l’Ucraina e coloro che hanno tradito l’Ucraina”. 

Secondo Andrii Yermak, capo dell’Ufficio del Presidente dell’Ucraina, un totale di 215 prigionieri di guerra sono stati rilasciati nell’ambito di uno scambio di prigionieri di guerra tra Russia e Ucraina, inclusi dieci prigionieri stranieri.

“È stato un processo difficile. Abbiamo 215 persone rilasciate: questo è un risultato significativo, dovuto a tattiche corrette utilizzando una posizione di forza, che include i risultati degli sforzi in prima linea delle forze armate”. Tra le persone liberate ci sono anche 10 stranieri che hanno combattuto a fianco degli ucraini, alcuni dei quali minacciati di morte. Rilasciati grazie agli sforzi del principe saudita Mohammed bin Salman, si trovano in questo momento a Riad.

 

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere