06 Dic, 2022

Ultimi Articoli

Aiden Aslin, per cinque mesi nelle mani dei torturatori russi. “Vuoi una morte rapida o una bella morte”

- Advertisement -

AgenPress – Nella sua prima intervista da quando è stato liberato questa settimana, il coraggioso Aiden Aslin , 28 anni,  ha raccontato a The Sun di essere stato picchiato, accoltellato e costretto ad ascoltare canzoni sovietiche in una minuscola cella per 24 ore al giorno.

Aiden si è riunito ieri con sua madre e la sua fidanzata ucraina, ha ammesso: “Non avrei mai pensato di uscirne vivo”.

Aiden, nato a Notts, si era costruito una nuova vita in Ucraina nel 2018, innamorandosi di Diane Okovyta e unendosi ai marines.

Durante la prigionia il soldato gli ha chiesto in russo: ‘Da dove vieni?’ Gli ho detto che venivo dalla Gran Bretagna e mi ha preso a pugni in faccia.

“Mi hanno separato dagli altri e hanno iniziato a intervistarmi nel retro di un veicolo blindato.

“Sono andato dal mio comandante e ho detto: ‘Senti, sarò preso, probabilmente mi uccideranno, ho bisogno che tu dica alla mia famiglia quando esci, se esci, che li amo .”

Aiden è stato condotto nella Repubblica popolare di Donetsk , condotto in un centro di detenzione con un cappuccio sulla testa e picchiato ripetutamente con un manganello durante l’interrogatorio.

Ogni risposta che ha dato è stata accolta con un altro pestaggio, mentre gli minacciavano anche  di tagliargli l’orecchio.

Dopo essere crollato a terra, è stato colpito di nuovo sulla fronte, subendo ferite che il mondo avrebbe visto 24 ore dopo, quando gli scagnozzi di Vladimir Putin hanno annunciato la sua cattura sui social media.

“L’ufficiale stava fumando una sigaretta e si è inginocchiato davanti a me per chiedere: ‘Sai chi sono?’ Ho detto “no” e lui ha risposto in russo: “Io sono la tua morte”.

‘Hai visto cosa ti ho fatto?’. Mi ha indicato la schiena. Mi ha mostrato il suo coltello e ho capito che mi aveva pugnalato. “Poi mi ha chiesto: ‘Vuoi una morte rapida o una bella morte?’.

“Ho risposto in russo, ‘Una morte rapida’. Lui ha sorriso e ha detto ‘No, avrai una bella morte… e mi assicurerò che sia una bella morte”.

Nei cinque mesi successivi, è stato trattenuto per 24 ore al giorno in una cella di appena 4 piedi per 6 piedi e disseminata di scarafaggi e pidocchi.

I suoi rapitori hanno suonato l’inno nazionale russo e gli hanno ordinato di alzarsi e cantarlo o di essere picchiato di nuovo. Quando aprirono la griglia della sua cella, gli fu ordinato di gridare: “Gloria alla Russia”.

E’ stato poi condannato a morte e gli è stato detto che sarebbe stato ucciso a colpi di arma da fuoco da un plotone di esecuzione.

“Durante tutti i cinque mesi di prigionia, non riuscivo a piangere. Quando ho saputo che mi era stata condannata a morte, volevo piangere ma non potevo. Era letteralmente una questione di sopravvivenza. La tua vita è nelle mani di queste persone e fai quello che ti dicono di fare o ne subisci le conseguenze”.

“Nonostante tutto quello che abbiamo passato, sapevo che prima o poi avremmo visto la luce alla fine del tunnel e che sarei tornato a vedere Diane e la mia famiglia”.

Rispondendo a una morte rapida, al signor Aslin è stato detto: “Avrai una bella morte e mi assicurerò che sia una bella morte”.

Ha detto di essere stato picchiato per essersi tatuato un tridente ucraino e per aver mostrato il suo tempo in Siria.

Aslin ha raccontato di essere stato tenuto in una cella di due uomini con quattro persone e ha dovuto dormire su una stuoia infestata dai pidocchi.

“Non potevamo andare in bagno come si deve perché non avevamo un gabinetto”, ha detto, aggiungendo che dovevano usare bottiglie vuote.

Dice di essere sopravvissuto per tre settimane mangiando pezzi di pane e acqua – e “alla fine abbiamo dovuto pregarli di darci l’acqua del rubinetto”.

C’era una finestra nella cella, ma non aveva “nulla per proteggerci dagli elementi esterni”, ha detto, il che ha portato al freddo in inverno.

Parlando di quando gli è stato controllato il passaporto, “appena ho detto Gran Bretagna ho preso un pugno dritto al naso”.

Il 28enne, nato a Nottingham, viveva in Ucraina da diversi anni quando è scoppiata la guerra. Aslin si è arruolato nella Legione georgiana, un’unità di volontari filo-ucraini e ha combattuto durante l’assedio di Mariupol prima di essere catturato dai russi.

È stato liberato mercoledì insieme ad altri quattro combattenti britannici in Ucraina: Shaun Pinner, John Harding, Dylan Healy e Andrew Hill.

 

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere