Connecticut. Scagionate 12 persone accusate di stregoneria e impiccate 370 anni fa

- Advertisement -spot_imgspot_img
- Advertisement -spot_imgspot_img

AgenPress – I legislatori del Connecticut hanno votato per scagionare 12 persone più di 370 anni dopo essere state condannate per stregoneria nell’America coloniale.

Undici dei 12 sono stati impiccati dopo processi che ora il Senato dello stato riconosce essere stati un “errore giudiziario”.

Segue una lunga campagna dei discendenti per cancellare i nomi di coloro che sono stati ingiustamente accusati di essere streghe.

Decine furono giustiziate per stregoneria negli Stati Uniti nel XVII secolo. Giovedì, il Senato del Connecticut ha votato 33-1 per scagionare i condannati nei processi che si sono svolti nello stato tra la metà e la fine del 1600.

Il senatore che ha votato contro la mossa, Rob Sampson, ha affermato di ritenere sbagliato “dettare ciò che era giusto o sbagliato su periodi del passato di cui non siamo a conoscenza”.

“Non voglio vedere progetti di legge che tentano, giustamente o erroneamente, di dipingere l’America come un brutto posto con una brutta storia. Voglio che ci concentriamo su dove stiamo andando, che è un futuro più luminoso e migliore”.

La risoluzione era già passata alla Camera dei Rappresentanti del Connecticut, con 121 voti a favore e 30 contrari.

La risoluzione segue quasi due decenni di pressioni da parte del CT Witch Trial Exoneration Project, un gruppo istituito nel 2005 dai discendenti dell’imputato.

Il gruppo si è detto “estatico, soddisfatto e riconoscente” soprattutto perché la decisione arriva alla vigilia del 376° anniversario della prima impiccagione di streghe nel New England, quella di Alice Young.

“Siamo grati ai discendenti, ai sostenitori, agli storici, ai legislatori di entrambe le parti e a molti altri che hanno reso possibile questa risoluzione ufficiale”.

Hanno aggiunto che “continueranno a sostenere l’educazione storica e la commemorazione delle vittime del processo alle streghe”.

Alcuni membri dell’organizzazione hanno scoperto i loro legami familiari utilizzando test genealogici.

I membri della famiglia ei loro sostenitori sostengono che gli esoneri sono un passo importante per imparare dagli errori del passato.

Saud Anwar, un senatore dello stato che si è interessato dopo che un elettore ha scoperto che il loro antenato era un accusatore di streghe, ha detto all’AP che i processi per stregoneria si svolgono ancora in tutto il mondo. “È rilevante, anche in questo momento”.

The Witch Trial Exoneration Project spera che, oltre a correggere i torti del passato, ciò porti consapevolezza a “cacce mortali alle streghe che continuano a verificarsi in molte parti del mondo a causa della paura, della misoginia e della superstizione”.

Almeno 45 persone sono state accusate di stregoneria nel Connecticut coloniale, sebbene il Witch Trial Exoneration Project ritenga che il record sia probabilmente incompleto.

Nei più noti processi alle streghe di Salem nel vicino Massachusetts, furono accusate circa 200 persone, portando alla morte di 25 persone.

Lo scorso agosto, il Massachusetts ha formalmente scagionato Elizabeth Johnson, l’ultima persona ad essere condannata durante i processi alle streghe di Salem.

Sebbene inizialmente condannata a morte, le fu concessa una tregua e visse fino a 77 anni. Gli storici ora credono che soffrisse di una disabilità mentale.

Anche altri paesi hanno cercato di riconoscere le persone che in passato sono state ingiustamente perseguitate per stregoneria.

L’anno scorso, l’allora primo ministro scozzese Nicola Sturgeon ha offerto scuse formali a 4.000 scozzesi, per lo più donne, accusati di stregoneria tra il 1563 e il 1736. Circa 2.500 di loro furono giustiziati.

- Advertisement -spot_imgspot_img

Potrebbe Interessarti

- Advertisement -spot_img

Ultime Notizie

- Advertisement -spot_img