05 Ott, 2022

Ultimi Articoli

Ucraina. Quattro regioni occupate dalla Russia vogliono il referendum di adesione. Medvedev, devono essere fatti

AgenPress – Quattro aree dell’Ucraina sotto il controllo di Mosca hanno annunciato piani per i cosiddetti referendum urgenti sull’adesione alla Russia, che aprirebbero la strada all’annessione della Russia.

L’invasione russa si è bloccata negli ultimi mesi e l’Ucraina ha riconquistato porzioni di territorio nel nord-est.

Ora i funzionari sostenuti dalla Russia nell’est e nel sud affermano di volere voti sull’adesione alla Russia a partire da questa settimana.

La Russia ha annesso la Crimea nel 2014, dopo che un voto ha attirato la condanna internazionale.

Martedì il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha dichiarato che “i falsi referendum non cambieranno nulla”.

La comunità internazionale non ha mai riconosciuto l’annessione della Crimea, ma è chiaro da tempo che la Russia intende approvare allo stesso modo la sua acquisizione di altre regioni occupate.

L’annessione di più territorio ucraino consentirebbe al Cremlino di affermare che la stessa Russia è stata attaccata dalle armi della Nato. La Russia ha lanciato la sua invasione il 24 febbraio.

Si ipotizza che la Russia possa annunciare una mobilitazione di massa, per rafforzare le sue forze in Ucraina. Il parlamento russo ha approvato pene più severe per crimini come diserzione, danni a proprietà militari e insubordinazione durante la mobilitazione o le operazioni di combattimento.

“I referendum nel Donbass sono di grande importanza non solo per la protezione sistemica dei residenti della Repubblica del Lugansk e del Donetsk e di altri territori liberati, ma anche per il ripristino della giustizia storica”, dice il vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo, Dmitri Medvedev, spinge su Telegram a fare i referendum di annessione nelle cosiddette repubbliche separatiste filorusse in Ucraina. “L’invasione del territorio della Russia è un crimine che consente l’uso di tutte le forze di autodifesa”, aggiunge spiegando che per questo i referendum “sono così temuti a Kiev e in Occidente” e “devono essere tenuti”.

Subito dopo le due autorità separatiste sostenute dalla Russia a Donetsk e Luhansk hanno dichiarato che avrebbero organizzato le votazioni il 23 e 27 settembre. Entrambi sono stati riconosciuti come indipendenti dal presidente Vladimir Putin tre giorni prima che le truppe russe invadessero l’Ucraina da nord, est e sud.

Anche i funzionari insediati dalla Russia nella regione meridionale di Kherson hanno affermato che avrebbero tenuto un voto e una dichiarazione simile è arrivata dalle aree occupate dai russi di Zaporizhzhia. I media statali russi hanno affermato che le persone avrebbero potuto votare di persona o da remoto.

Per mesi, le autorità insediate dalla Russia hanno cercato di organizzare sedicenti referendum. Non c’è mai stata alcuna speranza di un voto libero o equo, e la guerra in corso ha reso impraticabile anche solo tentare di annettere aree non completamente sotto il loro controllo. Le controffensive dell’Ucraina hanno reso tutto ancora più difficile.

Mentre la maggior parte di Luhansk è in mano russa da luglio, lunedì il leader ucraino a Luhansk ha annunciato che l’esercito ha riconquistato il villaggio di Bilohorivka.

Per l’ex presidente russo, i referendum “cambiano completamente il vettore dello sviluppo della Russia per decenni. E non solo nel nostro Paese. Perché dopo la loro realizzazione e l’ammissione dei nuovi territori alla Russia, la trasformazione geopolitica del mondo sarà irreversibile”. “L’invasione del territorio della Russia – afferma – è un crimine che consente l’uso di tutte le forze di autodifesa. Ma non è meno importante che, dopo la modifica della Costituzione del nostro Stato, nessun futuro leader della Russia, nessun funzionario potrà annullare queste decisioni”.

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere