03 Dic, 2022

Ultimi Articoli

Ucraina. 9 aerei da guerra russi sono stati distrutti nelle esplosioni in Crimea. Mosca nega

- Advertisement -

AgenPress – L’Ucraina ha dichiarato che nove aerei da guerra russi sono stati distrutti in una serie mortale di esplosioni in una base aerea in Crimea che sembrava essere il risultato di un attacco ucraino, il che rappresenterebbe una significativa escalation della guerra .

La Russia ha negato che qualsiasi aereo sia stato danneggiato nelle esplosioni di martedì o che abbia avuto luogo un attacco. Ma le foto satellitari mostravano chiaramente che almeno sette aerei da combattimento alla base erano stati fatti saltare in aria e altri probabilmente danneggiati.

I funzionari ucraini si sono fermati prima di rivendicare pubblicamente la responsabilità delle esplosioni, mentre deridevano la spiegazione della Russia secondo cui un fumatore negligente avrebbe potuto causare l’incendio e l’esplosione delle munizioni della base aerea di Saki. Gli analisti hanno anche affermato che la spiegazione non ha senso e che gli ucraini avrebbero potuto usare missili antinave per colpire la base.

Se le forze ucraine fossero, in effetti, responsabili delle esplosioni, sarebbe il primo grande attacco noto a un sito militare russo nella penisola di Crimea, che è stato sequestrato all’Ucraina dal Cremlino nel 2014. Gli aerei da guerra russi hanno usato Saki per colpire aree nel sud dell’Ucraina.

La Crimea ha un enorme significato strategico e simbolico per entrambe le parti. La richiesta del Cremlino che l’Ucraina riconosca la Crimea come parte della Russia è stata una delle condizioni chiave per porre fine ai combattimenti, mentre l’Ucraina ha promesso di cacciare i russi dalla penisola e da tutti gli altri territori occupati.

Le esplosioni, che hanno ucciso una persona e ferito 14, hanno mandato i turisti a fuggire in preda al panico mentre pennacchi di fumo si alzavano sulla costa vicina. Il video mostrava finestre in frantumi e buchi nella muratura di alcuni edifici.

Il leader regionale della Crimea, Sergei Aksyonov, ha affermato che circa 250 residenti sono stati trasferiti in alloggi temporanei dopo che dozzine di condomini sono stati danneggiati.

Le autorità russe hanno cercato di minimizzare le esplosioni, dicendo mercoledì che tutti gli hotel e le spiagge della penisola, che è una popolare destinazione turistica per molti russi, non sono stati colpiti. Ma il video pubblicato sui social media mostrava lunghe file di auto che si muovevano lentamente sulla strada per la Russia mentre i turisti tornavano a casa.

Un consigliere presidenziale ucraino, Oleksiy Arestovych, ha affermato in modo criptico che le esplosioni sono state causate da armi a lungo raggio di fabbricazione ucraina o dal lavoro dei guerriglieri ucraini che operano in Crimea .

Un membro del parlamento ucraino, Oleksandr Zavitnevich, ha affermato che l’aeroporto è stato reso inutilizzabile. Ha riferito su Facebook che ospitava jet da combattimento, aerei da ricognizione tattica e aerei da trasporto militare.

Le immagini satellitari di Planet Labs PBC scattate a metà pomeriggio mercoledì hanno mostrato circa 2 chilometri quadrati (0,75 miglia quadrate) di praterie bruciate alla base di Saki. Diversi crateri hanno segnato il terreno vicino all’asfalto, in genere il segno di una potente esplosione. Le due piste non presentavano danni apparenti e sembravano essere ancora operative. Alcuni dei caccia sulla linea di volo erano stati spostati più in basso sulla pista, rispetto alle immagini scattate martedì prima dell’esplosione.

La base è stata la sede del 43° squadrone aereo d’assalto navale indipendente russo da quando Mosca ha conquistato la Crimea. Lo squadrone vola con Sukhoi Su-24 e Sukhoi Su-30. La base comprende anche una serie di bunker e hangar ricoperti di terra intorno alla sua periferia, tipicamente usati per ospitare munizioni in caso di incendio. Nessuno è apparso danneggiato.

“L’ufficiale Kiev ha taciuto al riguardo, ma ufficiosamente l’esercito riconosce che si è trattato di un attacco ucraino”, ha detto l’analista militare ucraino Oleh Zhdanov.

La base si trova ad almeno 200 chilometri (circa 125 miglia) dalla posizione ucraina più vicina. Zhdanov ha suggerito che le forze ucraine avrebbero potuto colpirlo con missili anti-nave ucraini o forniti dall’Occidente che hanno la portata necessaria.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere