07 Ott, 2022

Ultimi Articoli

L’Unione Europea pronta a “nuove misure restrittive” contro la Russia. Putin vuole distruggere l’Ucraina

AgenPress – L’Unione Europea sembra determinata a rispondere ai nuovi tentativi russi di annettere parti dell’Ucraina con più sanzioni, ma trovare un consenso tra i paesi membri sta diventando sempre più difficile poiché le misure volte a punire Mosca mordono le loro stesse economie.

Il blocco di 27 nazioni ha imposto sei round di sanzioni alla Russia da quando il 24 febbraio il presidente Vladimir Putin ha ordinato alle sue forze di entrare in Ucraina. Banche, aziende e mercati sono stati colpiti, anche parti del delicato settore energetico, e più di 1.200 funzionari sono stati presi di mira con congelamenti di beni e divieti di viaggio.

Ciò che in passato avrebbe potuto richiedere anni per raggiungere un accordo è stato raggiunto in poco più di tre mesi: la velocità della luce relativa per l’UE. Ma le economie europee già colpite dalla pandemia di COVID-19 stanno ora combattendo l’inflazione elevata, con prezzi alle stelle di elettricità e gas naturale.

Lo stimolo per l’UE ad agire di nuovo è stato l’annuncio che le regioni controllate dalla Russia nell’Ucraina orientale e meridionale hanno in programma di indire referendum per entrare a far parte della Russia. Ciò potrebbe consentire a Mosca di intensificare la guerra, soprattutto dopo la decisione di Putin di richiamare 300.000 riservisti militari .

Il capo della politica estera dell’UE Josep Borrell ha dichiarato mercoledì che “la Russia, la sua leadership politica e tutti coloro coinvolti nell’organizzazione di questi referendum “così come in altre violazioni del diritto internazionale e del diritto umanitario internazionale in Ucraina saranno ritenuti responsabili”.

“Ulteriori misure restrittive contro la Russia saranno presentate il prima possibile in coordinamento con i nostri partner”, ha affermato in una dichiarazione dopo aver presieduto una riunione di emergenza dei ministri degli esteri dell’UE a margine dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York.

Continueremo e aumenteremo il nostro supporto militare, continueremo a fornire armi all’Ucraina e studieremo, adotteremo nuove misure restrittive, sia personali che settoriali”, ha affermato Borrell.

I dettagli esatti su queste nuove sanzioni devono ancora essere determinati, ha detto. L’accordo raggiunto a New York, a suo dire unanime, è stato “politico”.

“Alcune ore dopo il discorso di Putin, si trattava di inviare un potente messaggio politico”, ha detto. “Non scuoteranno la nostra determinazione. Non scuoteranno la nostra determinazione, la nostra unità, a sostenere l’Ucraina”.

Ha detto di essere fiducioso che un “accordo unanime” sarebbe stato possibile per il nuovo pacchetto di sanzioni. “È chiaro che Putin sta cercando di distruggere l’Ucraina”.

“In linea con la Carta delle Nazioni Unite e il diritto internazionale, l’Ucraina esercita il suo legittimo diritto di difendersi dall’aggressione russa, di riprendere il pieno controllo del proprio territorio e ha il diritto di liberare i territori occupati entro i suoi confini internazionalmente riconosciuti. E per questo, continueremo a sostenere gli sforzi dell’Ucraina, la fornitura di equipaggiamento militare, per tutto il tempo necessario”.

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere