27 Set, 2022

Ultimi Articoli

Libano. Hanaa 21 anni, bruciata viva dal marito perché incinta. Non voleva un altro figlio. In aumento femminicidi

AgenPress – “Hanaa è morta. È con queste parole che lo zio di Hanaa Khaled, giovane donna bruciata viva dieci giorni fa dal marito, ha annunciato la notizia a L’Orient-Le Jour, prima di riattaccare, non potendo continuare la conversazione.

Con ustioni di terzo grado, Hanaa, 21 anni, madre di due figli e incinta al momento dell’orribile attacco, alla fine è morta all’ospedale al-Salam di Tripoli, dopo aver perso il bambino che aveva in grembo.

Con questi episodi di insopportabile ferocia, si tratta infatti di un grado di violenza “senza precedenti” appena raggiunto in Libano, denunciano le associazioni femministe. “Hanaa è stata bruciata viva perché era incinta e suo marito non voleva tenere il bambino”, spiega Leila Awada, avvocato dell’associazione Kafa che si batte per la protezione delle donne. “Ghinwa ha cercato di porre fine alla sua vita dopo anni di umiliazioni. È stata salvata, ma ha trascorso diversi giorni in uno stato di amnesia per lo shock. Non ricordava affatto cosa fosse successo. Solo ieri ha cominciato a recuperare la memoria. Attualmente è seguita da un terapeuta”.

Pochi giorni fa, un’altra donna di Akkar, Nabila Aidan, 35 anni e madre di quattro figli, è stata portata in ospedale dal marito diverse ore dopo la sua morte, riferisce l’attivista Alia Awada sul suo account Twitter. “Il marito ha chiamato la famiglia di sua moglie per dire loro che era morta e ha chiesto loro di incontrarlo in ospedale. Da allora è in fuga”.

Nel frattempo, è stata un’altra madre di Akkar, Ghinwa Alawi, che ha quasi perso la vita dopo anni di violenza domestica. Ghinwa, madre di tre figli, ha tentato di togliersi la vita domenica scorsa. Pochi giorni prima, suo marito aveva iniziato a picchiarla e ad umiliarla durante le riprese della scena. Ha poi inviato il video ai suoceri.

Per Alia Awada il moltiplicarsi dei femminicidi e dei casi di violenza domestica è una diretta conseguenza del deterioramento della situazione economica e sociale del Paese. “Le donne sono le prime a pagarne il prezzo in questi tempi di crisi. La violenza è esacerbata e le donne sono l’anello debole”, analizza. Invita le autorità “a dare l’allarme”.

“Quando si parla di immolazione con il fuoco, significa che la violenza era già installata all’interno della coppia. Le donne devono essere incoraggiate a parlare ea denunciare la violenza fin dall’inizio. Solo che lo sciopero dei funzionari e dei giudici complica il follow-up dei fascicoli. Questo ci rende difficile andare avanti in termini di protezione di alcune vittime”, aggiunge.

“Stiamo assistendo all’emergere di nuovi comportamenti dall’aggravarsi della crisi economica, politica e sociale”, riconosce dal canto suo Ghida Anani, direttrice della Ong Abaad. “Non abbiamo mai visto in Libano un caso così estremo come quello di Hanaa, che è stata bruciata viva. Per quanto riguarda Ghinwa, avrà bisogno di tempo per riprendersi da questi anni di abusi”.

Per contrastare questa tendenza in crescita, le associazioni femministe chiedono una ferma applicazione della legge. “Le leggi per la protezione delle donne esistono, vanno applicate rigorosamente. Purtroppo il crollo dello Stato e la conseguente mancanza di mezzi non facilitano il nostro compito”, sottolinea Ghida Anani. Alia Awada chiede anche di “applicare rigorosamente la legge per frenare questo tipo di comportamento”. Dice di aver notato un aumento senza precedenti della violenza domestica, che ora è diffusa.

“Di solito, ad agosto, i casi di violenza domestica erano meno frequenti. Questi casi sono generalmente aumentati a settembre, a causa della pressione dovuta all’inizio dell’anno scolastico. Solo che ultimamente riceviamo costantemente donne vittime di violenza domestica”, sospira. Quanto alla violenza denunciata dalle femministe, non è l’unico atto dei coniugi. “Alcune donne sono maltrattate dai loro padri o fratelli. Abbiamo molti casi di donne non sposate che ci contattano perché vittime di parenti maschi”.

 

 

 

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere