05 Ott, 2022

Ultimi Articoli

Kiev School. Impatto sanzioni su economia russa. Nel 2023 sarà recessione, giù introiti gas-petrolio, boom disoccupati

AgenPress – Di recente, le prospettive a breve termine per l’economia russa sono migliorate. Le previsioni di consenso sulla contrazione del 2022 sono state abbassate da -10-30% a -6-9,5%. Anche le previsioni di consenso per l’inflazione 2022 sono state ridotte da ~20% a 12-15%. I recenti PMI sono tornati in territorio di espansione. Queste migliori prospettive per il 2022 sono state sostenute da entrate elevate di petrolio e gas, che hanno aiutato il RUB a riprendersi e, in combinazione con il sostegno politico, hanno parzialmente protetto l’economia dall’impatto dell’ondata iniziale di sanzioni. Poiché il RUB si è ripreso e le aspettative di inflazione si sono allentate, la banca centrale ha ridotto i tassi di interesse dal picco post-invasione del 20% all’8% e ha allentato i controlli sui capitali.   

Lo rivela uno studio della Kyiv School of Economics, secondo cui il prossimo anno la Russia subirà un calo dei ricavi da petrolio e gas “di oltre il 40%”.

Tuttavia, consideriamo questo come un miglioramento temporaneo e consideriamo la performance russa debole e le prospettive russe fragili per diversi motivi:

In primo luogo, si tratta di una performance debole nonostante gli elevati proventi delle esportazioni di petrolio e gas. Nonostante i prezzi elevati del petrolio e del gas, che hanno sostenuto il forte avanzo delle partite correnti che ha contribuito a stabilizzare il RUB, controllare l’inflazione e consentire al CBR di tagliare i tassi, la Russia ha comunque registrato una contrazione nel 2trim22, in calo del 4,9% su base annua. Questa debole performance si confronta con la forte crescita degli altri esportatori di petrolio e gas, come l’espansione dell’11,8% su base annua registrata dall’Arabia Saudita nel 2Q22. Riteniamo che il notevole divario tra la performance di Russia e Arabia Saudita – di circa 15 punti percentuali – sia ampiamente spiegato dall’impatto delle sanzioni.  

In secondo luogo, i proventi delle esportazioni di petrolio e gas, la principale difesa della Russia contro le sanzioni, sono destinati a diminuire da qui.Le principali sanzioni su petrolio e gas stanno avendo un impatto: ad esempio, la Banca centrale russa ha riferito che il prezzo medio di vendita del petrolio russo nel 2° trimestre era leggermente inferiore a $80/bbl, quando il prezzo medio era di $113/bbl, confermando lo sconto sul greggio russo intorno ai 35 $/bbl precedentemente stimati. Ciò implica una perdita nel 2° trimestre di circa 20 miliardi di dollari sugli utili petroliferi a seguito delle sanzioni. Ancora più importante, le sanzioni per petrolio e gas sono destinate a mordere molto più in profondità poiché l’embargo petrolifero europeo – dal 5 dicembre sul greggio marittimo russo e dal 5 febbraio sui prodotti petroliferi – riduce i guadagni petroliferi. Nel frattempo, il volume delle vendite di gas russo in Europa sta raggiungendo un terzo dei livelli dell’anno scorso e sembra destinato a diminuire da qui, per fermarsi effettivamente entro il 2024, quando la Germania prevede di essere completamente indipendente dal gas russo.  

In particolare, la Russia di Putin ha vissuto una crisi della bilancia dei pagamenti nel 2008, 2014-15 e nel 2020, quando i ricavi di petrolio e gas sono diminuiti drasticamente. Il prossimo anno, con l’attuazione dell’embargo petrolifero europeo, prevediamo, sulla base di prezzi standard e ipotesi di volume, una riduzione del 40% dei ricavi di petrolio e gas della Russia. 

Con il RUB sotto pressione, la Russia dovrà quindi affrontare una difficile scelta tra un’inflazione elevata e una politica più restrittiva. In entrambi gli scenari, la sua capacità di sostenere la sua economia e portare avanti la sua guerra d’aggressione imperiale in Ucraina sarà notevolmente ridotta. Inoltre, se l’Europa smettesse di acquistare gas russo, ora ridotto a poco più del 10% della fornitura di gas europea e immediatamente sostituibile, crediamo, riaprendo le valvole del giacimento di Groningen– Il prossimo anno le entrate russe di petrolio e gas scenderebbero al livello critico di 150 miliardi di dollari all’anno, il che ha innescato crisi della bilancia dei pagamenti nel recente passato. 

Terzo, le sanzioni stanno colpendo l’economia nazionale russa.  La produzione industriale è scesa dell’1,8% su base annua a giugno, inclusa la produzione di automobili in calo del 62% su base annua, il PIL del 2° trimestre è sceso del 4,9% su base annua e i redditi reali sono scesi del 6,1% su base annua a maggio. Prevediamo un ulteriore impatto durante l’estate, poiché le uscite delle società iniziano a farsi sentire e l’impatto delle sanzioni si accumula, con la disoccupazione prevista in forte aumento. Vediamo anche la mossa russa di ridurre il livello di informativa al pubblico sulla performance economica – con dati commerciali e bancari dettagliati già classificati e un recente decreto che propone di classificare i dati sulle riserve – come ulteriore prova dell’efficacia delle sanzioni.   

In quarto luogo, la Russia ha assistito a una forte contrazione del commercio, guidata da una contrazione del 22% delle importazioni. Sebbene ciò possa risultare positivo in termini contabili in termini di PIL stimolando le esportazioni nette, è generalmente un segno di fragilità. La Russia dipende spesso da queste importazioni e lotterà senza di esse, come si è visto nel recente rapporto dei media sulle compagnie aeree russe che hanno cannabilizzato i loro aerei per i pezzi di ricambio, e lo studio RUSI che ha stimato che la Russia ha bisogno di accedere a 450 componenti per l’hardware militare che sono solo prodotti nelle economie avanzate che fanno parte della coalizione sanzionatoria. Più in generale, riteniamo che il tentativo della Russia di riorientare le sue relazioni commerciali e di investimento dalle economie avanzate a quelle in via di sviluppo abbia un costo elevato, che amplierà il divario tra la Russia e le economie avanzate, a causa della riduzione del trasferimento di competenze e costi logistici, infrastrutturali e di ingresso. In particolare,  

In quinto luogo, la Russia ha iniziato a tagliare la sua spesa sociale. Ad oggi i tagli sono relativamente modesti a ~$ 26 miliardi di tagli previsti per il 2023-2025 (~2,5% del budget annuo, a $ 315 miliardi di piano di entrate di bilancio) sui programmi sociali e di investimento, per finanziare le priorità del governo russo di spesa militare e sostegno a società e banche russe colpite da sanzioni. Il governo della RF ha annunciato di spendere quest’anno altri 130 miliardi di dollari di sostegno all’economia per contrastare le sanzioni, tuttavia non ci sono prove che si sia concretizzato. Tuttavia, questo sostegno è stato rafforzato dal National Wealth Fund, che ha già impegnato circa un terzo delle sue risorse dall’inizio della guerra. Guardando al futuro, con l’aggravarsi delle sanzioni e il calo degli utili di petrolio e gas, prevediamo che l’impatto più ampio sull’economia cadrà sul bilancio del settore pubblico, consumando i fondi petroliferi russi, provocando ingenti perdite al CBR,  

Tuttavia, è improbabile che l’ impatto critico delle sanzioni si concretizzi prima della fine del 2023, a meno che non vengano attuate ulteriori sanzioni. La Russia di Putin ha avuto una crisi della bilancia dei pagamenti nel 2008, 2014-15 e 2020, quando i ricavi di petrolio e gas sono diminuiti drasticamente. L’anno prossimo, con l’attuazione dell’embargo petrolifero europeo, prevediamo una riduzione del 40% dei ricavi del petrolio e del gas della Russia. Con il RUB sotto pressione, la capacità della Russia di dichiarare guerra all’Ucraina sarà indebolita. E se l’Europa smettesse di acquistare gas russo – possibile immediatamente, sostiene l’istituto KSE – le entrate russe di petrolio e gas l’anno prossimo scenderebbero in modo critico.

Una volta che le entrate del petrolio e del gas scenderanno al di sotto di un livello critico – che sembra essere di circa 150 miliardi di dollari l’anno – il saldo esterno richiederà l’uso estensivo delle riserve internazionali e/o un importante aggiustamento del tasso di cambio del RUB. In pratica, riteniamo che le autorità russe si troverebbero quindi di fronte a una scelta difficile tra lasciare indebolire il RUB e accettare una riaccelerazione dell’inflazione, che comprimerà i redditi reali, o attuare un forte inasprimento delle politiche, come si è visto questa primavera, per indebolire i deflussi e sostenere il RUB, che rallenterà l’economia. In entrambi gli scenari, l’economia russa sarà seriamente danneggiata – con un impatto simile ai livelli delle crisi del 2009, 2014 e 2019 – indebolendo la capacità di Putin di continuare a condurre la sua guerra di aggressione imperiale contro l’Ucraina. 

La contrazione del 22% nel 2Q-22 delle importazioni russe è un segno di fragilità. La Russia dipende dalla tecnologia incorporata in queste importazioni e lotterà senza di esse, come si è visto nelle compagnie aeree russe che cannibaliano i loro aerei per i pezzi di ricambio e nella dipendenza dell’esercito russo dai componenti degli alleati dell’Ucraina per il suo hardware militare. 

Il tentativo della Russia di riorientare le sue relazioni commerciali e di investimento dalle economie avanzate a quelle in via di sviluppo ha un costo elevato, che amplierà il divario tra la Russia e le economie avanzate a causa della riduzione delle competenze e del trasferimento tecnologico e dei maggiori costi logistici, infrastrutturali e di ingresso. In particolare, l’istituto KSE stima che il cambiamento comporterà una perdita permanente di circa $ 80 miliardi di esportazioni russe annuali, poiché il gas e i prodotti petroliferi attualmente esportati in Europa rimangono sottoterra.

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere