03 Ott, 2022

Ultimi Articoli

Afghanistan. Unicef, non inviare ragazze a scuola ha impatto sul Pil. In aumento la malnutrizione infantile

AgenPress – Tenere le ragazze fuori dalla scuola secondaria costa all’Afghanistan il 2,5% del suo prodotto interno lordo (PIL) annuale, secondo una nuova analisi dell’UNICEF.

Se l’attuale coorte di tre milioni di ragazze fosse in grado di completare l’istruzione secondaria e partecipare al mercato del lavoro, le ragazze e le donne contribuirebbero con almeno 5,4 miliardi di dollari all’economia dell’Afghanistan.

Le stime dell’UNICEF non tengono conto dell’impatto non finanziario del negare alle ragazze l’accesso all’istruzione, come l’imminente carenza di insegnanti, dottoresse e infermiere, il conseguente impatto sulla diminuzione della frequenza delle ragazze alla scuola primaria e l’aumento dei costi sanitari legati alla gravidanza adolescenziale . Le stime inoltre non tengono conto dei benefici più ampi dell’istruzione, compresi il livello di istruzione generale, la riduzione dei matrimoni precoci e la riduzione della mortalità infantile.

“La decisione del 23 marzo di non consentire alle ragazze di tornare alla scuola secondaria è stata scioccante e profondamente deludente”, ha affermato il rappresentante dell’UNICEF in Afghanistan, il dott. Mohamed Ayoya. “Non solo viola il diritto fondamentale all’istruzione delle ragazze, ma le espone a un aumento ansia e maggiori rischi di sfruttamento e abusi, compresi il traffico di bambini, i matrimoni precoci e forzati. Ora, questa nuova analisi articola chiaramente il terribile impatto economico di questa decisione sul PIL del Paese”.

Anche prima che i talebani prendessero il potere il 15 agosto dello scorso anno, l’Afghanistan ha lottato con oltre 4,2 milioni di bambini che non andavano a scuola; Il 60 per cento dei quali erano ragazze. Sebbene i potenziali costi della mancata istruzione di ragazzi e ragazze siano elevati in termini di mancato guadagno, non educare le ragazze è particolarmente costoso a causa del rapporto tra il livello di istruzione e le ragazze che ritardano il matrimonio e la gravidanza, la partecipazione alla forza lavoro, le scelte sul proprio futuro e investire di più nella salute e nell’istruzione dei propri figli più avanti nella vita. L’analisi indica che l’Afghanistan non sarà in grado di recuperare il PIL perso durante la transizione e raggiungere la sua reale produttività potenziale senza soddisfare i diritti delle ragazze di accedere e completare l’istruzione secondaria.

“L’UNICEF vuole vedere ogni ragazza e ogni ragazzo in tutto l’Afghanistan a scuola e nell’apprendimento”, ha detto il dottor Ayoya. “Non smetteremo di sostenere fino a quando questo obiettivo non sarà raggiunto. Non solo l’istruzione è un diritto per ogni bambino, ma è anche la base per la crescita futura in Afghanistan”.

Oltre alle ragazze che non possono tornare alle scuole secondarie, l’UNICEF sta anche lottando per raggiungere le ragazze adolescenti con i servizi vitali di cui hanno bisogno, come il supporto per la prevenzione dell’anemia e la salute e l’igiene mestruale, che l’UNICEF forniva nelle scuole.

Anche la malnutrizione infantile è in aumento. Nel giugno 2021, 30.000 bambini sono stati curati per malnutrizione acuta grave in Afghanistan; nel giugno 2022 sono stati ammessi 57.000 bambini, con un aumento del 90%. I bambini sono obbligati a lavorare per sostenere le loro famiglie invece di andare a scuola, che è il posto più sicuro in cui potrebbero essere.

Negli ultimi 12 mesi, i servizi sanitari e nutrizionali nelle scuole hanno raggiunto 272.386 ragazze adolescenti con integratori di ferro e acido folico. Quindi, l’incapacità delle ragazze adolescenti di continuare la loro istruzione compromette la loro salute.

“L’Afghanistan rimane una delle crisi infantili più complesse e multidimensionali del mondo”, ha affermato il dottor Ayoya. “Questo è un momento cruciale per una generazione di bambini in Afghanistan. I diritti delle ragazze sono sotto attacco; la loro infanzia è segnata dalla privazione. Ecco perché, nonostante le sfide nell’ambiente operativo, l’UNICEF sta aumentando, fornendo e ottenendo risultati come mai prima d’ora. Mentre lo facciamo, vogliamo dire al popolo afghano: non potremmo fare ciò che facciamo senza la vostra fiducia e il vostro sostegno. Ringraziamo anche i nostri donatori e partner per la loro generosità fino ad oggi, ma li esortiamo a continuare il loro sostegno salvavita ai bambini, soprattutto con l’inverno alle porte”.

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere