06 Dic, 2022

Ultimi Articoli

Zelensky, “meglio che i russi si arrendano che essere uccisi dalle nostre armi. Saranno trattati civilmente”

- Advertisement -

AgenPress – I soldati russi che si arrendono all’Ucraina saranno trattati in “maniera civile”, ha affermato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

Nel suo discorso notturno, Zelensky ha fatto appello ai russi affinché scappassero o si arrendessero una volta al fronte.

Viene dopo che Vladimir Putin ha firmato una legge che raddoppia la punizione per i soldati russi che disertano o disobbediscono agli ordini.

Nuove proteste sono scoppiate anche per la mobilitazione parziale di 300.000 soldati in più da parte della Russia.

L’organizzazione russa per i diritti umani OVD-Info ha riferito che sabato 700 persone sono state arrestate, mentre più di 1.000 sono state detenute all’inizio della settimana. Le manifestazioni non autorizzate sono vietate dalla legge russa.

Parlando in russo, la sua prima lingua, Zelensky ha esortato i russi ad arrendersi all’Ucraina piuttosto che rischiare di essere processati come criminali di guerra dopo il conflitto.

L’Ucraina tratterà i disertori in linea con le convenzioni internazionali e non riporterà nessuno in Russia se hanno paura di ripercussioni.

“È meglio arrendersi alla prigionia ucraina che essere uccisi dai colpi delle nostre armi”.

Il presidente Putin ha firmato sabato una legge che significa che i russi che disertano, si rifiutano di combattere, disobbediscono agli ordini o si arrendono ora rischiano 10 anni di carcere.

Le mosse del presidente russo sono ampiamente viste come un tentativo di riprendere l’iniziativa dopo che le sue forze hanno subito battute d’arresto sul campo di battaglia.

Proseguono i sedicenti referendum sull’adesione alla Russia in quattro regioni dell’Ucraina: Luhansk, Donetsk, Kherson e Zaporizhzhia.

L’Ucraina e l’Occidente hanno condannato le votazioni come antidemocratiche e ci sono state numerose segnalazioni di persone del posto che sono state intimidite a votare da soldati russi armati.

I voti spianerebbero la strada alla Russia per l’annessione delle quattro regioni.

Sergei Lavrov, ha affermato che tutte le regioni che votano per unirsi alla Russia riceveranno la piena protezione del paese e saranno vincolate da tutte le leggi e le dottrine della Russia.

Anche se l’annessione non sarebbe riconosciuta a livello internazionale, potrebbe portare la Russia a sostenere che il suo territorio è sotto attacco dalle armi occidentali fornite all’Ucraina, aggravando ulteriormente la guerra.

La mobilitazione parziale ha scatenato una corsa al confine, con alcuni russi che hanno tentato di eludere una convocazione.

Estonia, Lettonia e Lituania hanno chiuso i loro confini alla maggior parte dei russi, dicendo che non sono disposte a concedere automaticamente asilo a coloro che fuggono dalla leva.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere