05 Feb, 2023

Ultimi Articoli

Uzbekistan. Sciroppo per la tosse made in India, prodotto da Marion Biotech, ha causato la morte di 18 bambini

- Advertisement -

AgenPress – Il ministero della salute dell’Uzbekistan ha dichiarato che 18 bambini sono morti dopo aver bevuto uno sciroppo per la tosse prodotto dal produttore di farmaci indiano Marion Biotech.

Il ministero ha affermato che i test preliminari hanno mostrato che un lotto del medicinale conteneva glicole etilenico, una sostanza tossica.

Ai bambini è stato somministrato lo sciroppo Dok-1 Max senza prescrizione medica.

La quantità che hanno consumato ha anche superato la dose standard per i bambini.

L’accusa dall’Uzbekistan arriva settimane dopo che anche il Gambia ha collegato la morte di bambini agli sciroppi per la tosse prodotti da un’altra azienda indiana.

Il ministero della salute indiano ha affermato in una dichiarazione che i suoi funzionari sono “in regolare contatto con l’autorità nazionale di regolamentazione della droga dell’Uzbekistan in merito alla questione” dal 27 dicembre.

Ha aggiunto che i funzionari sanitari hanno condotto un’ispezione della struttura di Marion Biotech a Noida, nello stato dell’Uttar Pradesh.

“I campioni dello sciroppo per la tosse sono stati prelevati dai locali di produzione e inviati al Regional Drug Testing Laboratory, Chandigarh per i test”, ha aggiunto la dichiarazione.

Marion Biotech non ha ancora risposto alla richiesta di commento della BBC.

L’agenzia di stampa ANI ha citato un dirigente di Marion Biotech che ha affermato che la società ha interrotto temporaneamente la produzione dello sciroppo. Ha aggiunto che il governo stava conducendo un’inchiesta e che l’azienda avrebbe agito di conseguenza.

Marion Biotech ha sede a Noida, vicino alla capitale nazionale indiana Delhi. Il suo sito Web è attualmente inattivo, ma la pagina LinkedIn dell’azienda afferma che è stata fondata nel 1999 e che i suoi prodotti sono “nomi familiari nei paesi dell’Asia centrale, America centrale e latina, Sud-est asiatico e Africa”.

L’India produce un terzo dei medicinali mondiali, principalmente sotto forma di farmaci generici.

Il paese, sede di alcune delle aziende farmaceutiche in più rapida crescita, è noto come la “farmacia del mondo” e soddisfa gran parte delle esigenze mediche dei paesi in via di sviluppo.

La dichiarazione del ministero uzbeko, datata 27 dicembre, afferma che le compresse e lo sciroppo Dok-1 Max sono stati venduti nel Paese dal 2012.

“Si è riscontrato che i bambini deceduti, prima del ricovero in ospedale, assumevano questo farmaco a casa per 2-7 giorni, 3-4 volte al giorno, 2,5-5 ml, che supera la dose standard del farmaco per i bambini”.

A ottobre, l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) aveva lanciato un allarme globale e collegato quattro sciroppi per la tosse prodotti in India alla morte di 66 bambini per lesioni renali in Gambia. Ha affermato che test su campioni di sciroppo hanno mostrato che contenevano quantità inaccettabili di sostanze tossiche glicole dietilenico e glicole etilenico.

Sia il governo indiano che la società Maiden Pharmaceuticals hanno negato le accuse.

L’ India ha affermato all’inizio di dicembre che i test sui quattro sciroppi hanno dimostrato che rispettavano le specifiche e un funzionario del governo ha detto alla BBC che l’OMS era stata “presuntuosa” nell’incolpare gli sciroppi. Ma l’OMS ha affermato di sostenere l’azione intrapresa.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere