30 Set, 2022

Ultimi Articoli

Uzbekistan. Incontro Putin-Xi Jinping. Sostegno reciproco tra Cina e Russia contro gli Stati Uniti

AgenPress –  Il presidente cinese Xi Jinping e il russo Vladimir Putin si sono incontrati  per colloqui sul rafforzamento dei legami tra i loro paesi, un incontro che segue una grave battuta d’arresto per Mosca sul campo di battaglia in Ucraina.

I due leader si sono incontrati in Uzbekistan a margine della Shanghai Cooperation Organization (SCO), un’alleanza di sicurezza creata come contrappeso all’influenza degli Stati Uniti che comprende anche India, Pakistan e quattro nazioni ex sovietiche dell’Asia centrale.

Insieme all’attacco russo all’Ucraina,  a fare da sfondo al vertice ci sono la le ostilità tra Armenia e Azerbaigian, nonché le tensioni nelle relazioni della Cina con Washington, Europa, Giappone e India dovute a controversie su tecnologia, sicurezza e territorio.

Parlando all’inizio dei suoi colloqui individuali con Xi, Putin ha ribadito quello che ha descritto come uno sforzo “brutto” da parte degli Stati Uniti e dei suoi alleati per mantenere il loro presunto dominio globale.

“I tentativi di creare un mondo unipolare hanno recentemente preso una forma assolutamente brutta. Sono assolutamente inaccettabili per la stragrande maggioranza dei paesi del mondo”, ha affermato.

Xi ha affermato che insieme alla Russia, la Cina era pronta a “dare l’esempio di una potenza mondiale responsabile e a svolgere un ruolo di primo piano per portare il mondo in rapida evoluzione su una pista di sviluppo sostenibile e positivo”.

Il vertice SCO nell’antica città di Samarcanda fa parte del primo viaggio all’estero di Xi dall’inizio della pandemia di coronavirus 2 anni e mezzo fa, sottolineando il desiderio di Pechino di affermarsi come potenza regionale.

L’incontro dei presidenti è avvenuto dopo che la Russia è stata costretta a ritirare le sue forze da vaste aree dell’Ucraina nord-orientale la scorsa settimana nel mezzo di una rapida controffensiva ha rappresentato la più grande battuta d’arresto di Mosca poiché le sue forze si sono ritirare dalle aree vicino alla capitale ucraina all’inizio della guerra.

Il governo di Xi, che ha affermato di avere un’amicizia “senza limiti” con Mosca prima dell’invasione dell’Ucraina a fine febbraio, si è rifiutato di criticare le azioni militari della Russia. Pechino e l’India stanno acquistando più petrolio e gas russo, il che aiuta Mosca a compensare l’impatto delle sanzioni occidentali imposte sull’invasione.

“Apprezziamo molto la posizione equilibrata dei nostri amici cinesi in relazione alla crisi ucraina”, ha detto Putin all’inizio dei suoi colloqui con Xi.

La Russia, a sua volta, ha sostenuto con forza la Cina tra le tensioni con gli Stati Uniti che hanno fatto seguito alla recente visita a Taiwan della presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi.

“Condanniamo le provocazioni degli Stati Uniti e dei loro satelliti nello Stretto di Taiwan”, ha detto Putin a Xi che ha anche incontrato giovedì il presidente iraniano Ebrahim Raisi, il cui Paese è sulla buona strada per entrare a far parte dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai. Raisi ha affermato che Mosca e Teheran stanno finalizzando un importante trattato che porterebbe le loro relazioni a un “livello strategico”.

Entrambi criticato gli Stati Uniti all’inizio del loro incontro. Raisi ha accusato gli Stati Uniti di aver violato i propri obblighi nell’ambito dell’accordo nucleare dell’Iran con le potenze mondiali. Putin ha deriso i funzionari americani, dicendo: “Sono padroni della loro parola: la danno e poi la riprendono quando vogliono”.

 

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere