05 Ott, 2022

Ultimi Articoli

USA. Migliaia di ucraini deportati in Russia. Replica, sono liberi, nessuno impedisce loro di lasciare il Paese

AgenPress – Gli Stati Uniti hanno dichiarato mercoledì di avere prove che “centinaia di migliaia” di cittadini ucraini sono stati interrogati, detenuti e deportati con la forza in Russia in “una serie di orrori” supervisionati da funzionari della presidenza russa.

La Russia ha immediatamente respinto l’accusa come “fantasia”, definendola l’ultima invenzione di una campagna di disinformazione occidentale.

L’accusa è arrivata durante una riunione del Consiglio di sicurezza convocata da Stati Uniti e Albania per discutere delle “operazioni di filtraggio” della Russia.

Ciò coinvolge gli ucraini che fuggono volontariamente dalla guerra nella loro patria e coloro che vengono trasferiti con la forza in Russia passando attraverso una serie di “punti di filtraggio” in cui il trattamento va dagli interrogatori, alla raccolta di dati e alle perquisizioni, all’essere tirati da parte, torturati, inviati in un centro di detenzione. in Russia e mai più visto.

L’ambasciatore Linda Thomas-Greenfield ha affermato che le stime provenienti da una varietà di fonti, incluso il governo russo, indicano che le autorità russe hanno interrogato, detenuto ed espulso con la forza tra 900.000 e 1,6 milioni di ucraini. Ha detto che vengono inviati in Russia, spesso in regioni isolate nelle sue regioni dell’estremo oriente.

“Queste operazioni mirano a identificare le persone che la Russia ritiene non sufficientemente conformi o compatibili al suo controllo”, ha affermato Thomas-Greenfield. “E ci sono prove crescenti e credibili che coloro che sono considerati una minaccia per il controllo russo a causa di presunte tendenze filo-ucraine sono ‘scomparsi’ o ulteriormente detenuti”.

La presidenza russa non sta solo coordinando le operazioni di filtraggio, ma sta fornendo elenchi di ucraini da prendere di mira per la filtrazione.

Ha detto che le stime indicano che migliaia di bambini sono stati sottoposti a filtrazione, “alcuni separati dalle loro famiglie e presi dagli orfanotrofi prima di essere dati in adozione in Russia”. Secondo le informazioni statunitensi, “più di 1.800 bambini sono stati trasferiti dalle aree dell’Ucraina controllate dalla Russia alla Russia” solo a luglio, ha affermato.

L’ambasciatore russo all’ONU, Vassily Nebenzia, ha accusato l’Occidente di aver cercato di infangare il suo paese.

Ha detto che più di 3,7 milioni di ucraini, inclusi 600.000 bambini, sono andati in Russia o nelle aree separatiste controllate dai russi nell’Ucraina orientale, ma “non sono tenuti in prigione”.

“Vivono liberamente e volontariamente in Russia e nessuno impedisce loro di trasferirsi o impedisce loro di lasciare il Paese”.

Nebenzia ha detto che quegli ucraini sono passati attraverso “una procedura di registrazione piuttosto che di filtraggio” simile a quella per i rifugiati ucraini in Polonia e in altri paesi dell’Unione Europea.

Ha affermato che, poiché mercoledì “abbiamo perso tempo a parlare delle ultime congetture e fantasie”, la Russia propone che il Consiglio di sicurezza tenga una riunione giovedì “sulle reali minacce alla pace e alla sicurezza internazionali causate dalla fornitura di armi e merci militari in Ucraina”.

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere