29 Gen, 2023

Ultimi Articoli

Usa. Biden. C’è minaccia di un “Armageddon” nucleare. Putin non scherza, il suo esercito è in difficoltà

- Advertisement -

AgenPress – Joe Biden ha affermato giovedì che il rischio di un “Armageddon” nucleare è al livello più alto dalla crisi dei missili cubani del 1962, poiché i funzionari russi parlano della possibilità di utilizzare armi nucleari tattiche dopo aver subito massicce battute d’arresto negli otto -mese di invasione dell’Ucraina.

Parlando a una raccolta fondi per il Comitato per la campagna senatoriale democratica, Biden ha detto che il presidente russo Vladimir Putin “non scherza quando parla del possibile uso di armi nucleari, chimiche o biolgiche, perché il suo esercito è in difficoltà”.

“Non abbiamo affrontato la prospettiva dell’Armageddon dai tempi di Kennedy e dalla crisi dei missili cubani”. Ha suggerito che la minaccia di Putin è reale “perché il suo esercito è – si potrebbe dire – significativamente sottoperformato”.

I funzionari statunitensi per mesi hanno avvertito della prospettiva che la Russia potrebbe usare armi di distruzione di massa in Ucraina poiché ha dovuto affrontare una serie di battute d’arresto strategiche sul campo di battaglia, sebbene le osservazioni di Biden abbiano segnato gli avvertimenti più severi mai emessi dal governo degli Stati Uniti sulla posta in gioco nucleare.

Non è stato immediatamente chiaro se Biden si riferisse a una nuova valutazione delle intenzioni russe. Fino a questa settimana, tuttavia, i funzionari statunitensi hanno affermato di non aver visto alcun cambiamento nelle forze nucleari russe che richiederebbe un cambiamento nella posizione di allerta delle forze nucleari statunitensi.

“Non abbiamo visto alcun motivo per modificare la nostra posizione strategica nucleare, né abbiamo indicazioni che la Russia si stia preparando a utilizzare imminentemente armi nucleari”, ha detto martedì la segretaria stampa della Casa Bianca Karine Jean-Pierre.

La resa dei conti di 13 giorni nel 1962 che seguì la scoperta degli Stati Uniti del dispiegamento segreto di armi nucleari dell’Unione Sovietica a Cuba è considerata dagli esperti come la più vicina che il mondo sia mai arrivato all’annientamento nucleare. La crisi durante l’amministrazione del presidente John F. Kennedy ha acceso una rinnovata attenzione al controllo degli armamenti su entrambi i lati della cortina di ferro.

Biden ha anche sfidato la dottrina nucleare russa, avvertendo che l’uso di un’arma tattica a basso rendimento potrebbe rapidamente sfuggire al controllo nella distruzione globale.

“Non credo che ci sia qualcosa come la capacità di usare facilmente un’arma nucleare tattica e non finire con l’Armageddon”.

Ha aggiunto che stava ancora “cercando di capire” la “rampa di uscita” di Putin in Ucraina.

“Dove trova una via d’uscita?. Dove si trova in una posizione in cui non solo perde la faccia, ma perde un potere significativo all’interno della Russia?”

Putin ha ripetutamente accennato all’uso del vasto arsenale nucleare del suo paese, anche il mese scorso quando ha annunciato l’intenzione di arruolare uomini russi per prestare servizio in Ucraina.

“Voglio ricordarvi che anche il nostro Paese ha vari mezzi di distruzione… e quando l’integrità territoriale del nostro Paese sarà minacciata, per proteggere la Russia e il nostro popolo, useremo sicuramente tutti i mezzi a nostra disposizione”, aveva detto Putin il 21 settembre, aggiungendo “non è un bluff”.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere