03 Dic, 2022

Ultimi Articoli

UNICEF/Pakistan: 1 bambino su 9 nelle aree del paese colpite dalle alluvioni soffre di malnutrizione acuta grave

  • Oltre 25 milioni di bambini e donne in tutto il Pakistan, tra cui più di 7 milioni di bambini e donne nelle aree colpite dalle alluvioni, hanno bisogno di accedere immediatamente a servizi nutrizionali essenziali. 
  • Oltre 5 milioni di persone non dispongono più di fonti di acqua potabile sicure e più di 6 milioni non hanno più impianti igienici domestici
- Advertisement -

Su oltre 22.000 bambini monitorati dagli operatori sanitari dal settembre 2022 presso le strutture sanitarie delle regioni colpite dalle alluvioni, a più di 2.630 è stata diagnosticata una malnutrizione acuta grave. 


AgenPress. Secondo l’UNICEF, in seguito alle devastanti inondazioni che hanno colpito il Pakistan, le strutture sanitarie riportano livelli allarmanti di malnutrizione acuta grave tra i bambini nelle aree colpite. Più di 1 bambino su 9 sotto i cinque anni assistito nelle strutture sanitarie delle aree colpite dalle inondazioni del Sindh e del Balochistan è risultato colpito da malnutrizione acuta grave. 

In totale, su oltre 22.000 bambini monitorati dagli operatori sanitari dal settembre 2022 presso le strutture sanitarie delle regioni colpite dalle alluvioni, a più di 2.630 è stata diagnosticata una malnutrizione acuta grave, ovvero più di un bambino su nove. La malnutrizione acuta grave è una condizione pericolosa per la vita in cui i bambini sono troppo magri rispetto alla loro altezza, con conseguente indebolimento del sistema immunitario.

Le stime basate sul tasso preesistente di malnutrizione dell’ultima indagine nazionale sulla nutrizione indicano che quasi 1,6 milioni di bambini potrebbero soffrire di malnutrizione acuta grave e necessitare di cure urgenti nelle aree colpite dalle inondazioni delle province di Sindh e Balochistan. Le donne in stato di gravidanza malnutrite rischiano inoltre di dare alla luce bambini con basso peso alla nascita che saranno malnutriti.

“Non lanceremo mai un allarme abbastanza forte”, ha dichiarato Abdullah Fadil, Rappresentante dell’UNICEF in Pakistan. “Siamo di fronte a un’emergenza nutrizionale che minaccia la vita di milioni di bambini. Senza un’azione immediata, ci dirigeremo verso un risultato catastrofico che minaccia lo sviluppo e la sopravvivenza stessa dei bambini. Siamo grati per il sostegno fornito finora dalla comunità globale, ma è necessario molto di più per salvare le vite dei bambini”.

Anche prima delle devastanti inondazioni, la metà dei bambini che vivevano nei distretti attualmente colpiti dalle alluvioni era già affetta da malnutrizione cronica, una condizione irreversibile che blocca la crescita e lo sviluppo fisico e cognitivo dei bambini. Allo stesso modo, più del 40% delle madri soffriva di anemia. Oltre 25 milioni di bambini e donne in tutto il Pakistan, tra cui più di 7 milioni di bambini e donne nelle aree colpite dalle alluvioni, hanno bisogno di accedere immediatamente a servizi nutrizionali essenziali. 

L’UNICEF è presente sul campo per fornire servizi nutrizionali salvavita, tra cui la fornitura di alimenti terapeutici pronti all’uso per i bambini colpiti da malnutrizione acuta grave. Insieme al governo pakistano, al World Food Programme e ad altri partner, l’UNICEF ha istituito 271 centri ambulatoriali di trattamento terapeutico per la prevenzione, l’individuazione e il trattamento dei casi di malnutrizione acuta grave e di altre forme di malnutrizione. L’UNICEF sta inoltre lavorando per espandere i servizi nutrizionali attraverso 73 team sanitari mobili negli 84 distretti colpiti dalle alluvioni, insieme ai servizi sanitari, idrici e igienici e di protezione che sono fondamentali per salvare le vite dei bambini.

La mancanza di acqua potabile e di igiene aumenta il rischio di malnutrizione acuta, poiché l’acqua non sicura può causare diarrea e impedire ai bambini di assumere le sostanze nutritive di cui hanno bisogno per sopravvivere. Oltre 5 milioni di persone non dispongono più di fonti di acqua potabile sicure e più di 6 milioni non hanno più impianti igienici domestici. Di conseguenza, la percentuale di persone che praticano la defecazione all’aperto è aumentata da un quinto prima delle alluvioni a oltre un terzo della popolazione colpita. Allo stesso tempo, le malattie legate all’acqua si stanno rapidamente diffondendo tra i bambini e le famiglie e sono in forte aumento anche i casi di diarrea acquosa acuta, malaria, febbre dengue, malattie della pelle, infezioni respiratorie e altre patologie.

In risposta, l‘UNICEF sta fornendo ogni giorno 2 milioni di litri di acqua potabile, riabilitando i sistemi idrici, distribuendo kit igienici e fornendo servizi igienici.

L’UNICEF ha aggiornato il suo appello a 175,3 milioni di dollari, di cui 35 milioni andranno ai servizi nutrizionali salvavita e 58 milioni ai servizi idrici e igienici essenziali. Solo il 13% dell’appello dell’UNICEF per i bambini e le famiglie del Pakistan è stato finanziato.

L’UNICEF chiede:

  • Sostegno da parte della comunità internazionale per raggiungere oltre 7 milioni di bambini, ragazze e donne adolescenti che hanno bisogno di servizi nutrizionali, oltre 5 milioni di persone che hanno bisogno di acqua potabile e oltre 6 milioni di persone che hanno bisogno di servizi igienici.
  • Integrazione della nutrizione nelle prestazioni sanitarie del governo e aumento dei finanziamenti governativi per la nutrizione a lungo termine.
- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere