28 Set, 2022

Ultimi Articoli

Uiguri. La Cina respinge il rapporto ONU su violazioni dei diritti umani nei “campi di rieducazione”

AgenPress – La Cina ha denunciato il rapporto delle Nazioni Unite  che è stato pubblicato a seguito della sua protesta e che afferma che la detenzione arbitraria da parte del governo di uiguri e altri gruppi etnici per lo più musulmani nella regione occidentale dello Xinjiang potrebbe costituire crimini contro l’umanità.

Il Congresso mondiale degli uiguri ha accolto favorevolmente il rapporto e ha sollecitato una rapida risposta internazionale.

“Nonostante le strenue smentite del governo cinese, le Nazioni Unite hanno ora ufficialmente riconosciuto che si stanno verificando crimini orribili”, ha affermato il direttore esecutivo del progetto uiguro per i diritti umani Omer Kanat.

Il rapporto ha concluso che la Cina ha commesso gravi violazioni dei diritti umani nell’ambito delle sue politiche antiterrorismo e antiestremismo e chiede “un’attenzione urgente” da parte delle Nazioni Unite, della comunità mondiale e della stessa Cina per indirizzarli.

In una severa protesta che l’ONU ha pubblicato con il suo rapporto, la missione diplomatica cinese a Ginevra ha affermato di essere fermamente contraria al rilascio della valutazione delle Nazioni Unite, che ha affermato di ignorare i risultati raggiunti in materia di diritti umani nello Xinjiang e i danni causati dal terrorismo e dall’estremismo alla popolazione .

“Basato sulla disinformazione e sulle menzogne ​​fabbricate dalle forze anti-cinesi e per presunzione di colpa, la cosiddetta ‘valutazione’ distorce le leggi cinesi, diffama arbitrariamente la Cina e interferisce negli affari interni della Cina”, si legge in parte nella protesta .

Il Giappone è stato uno dei primi governi stranieri a commentare il rapporto esortando la Cina a migliorare la trasparenza e le condizioni dei diritti umani nella regione dello Xinjiang.

“Il Giappone è molto preoccupato per le condizioni dei diritti umani nello Xinjiang e riteniamo che sia importante che anche in Cina siano garantiti valori universali come la libertà, i diritti umani fondamentali e lo stato di diritto”, ha affermato il segretario capo di gabinetto Hirokazu Matsuno.

Human Rights Watch e Amnesty International hanno chiesto alle Nazioni Unite e ai governi di avviare un’indagine indipendente sulle violazioni dei diritti umani.

“Non è mai stato così importante per il sistema delle Nazioni Unite resistere a Pechino e sostenere le vittime”, ha affermato John Fisher, vicedirettore della difesa globale del gruppo.

Il rapporto delle Nazioni Unite non ha menzionato il genocidio. Ci sono circa 12 milioni di uiguri, per lo più musulmani, che vivono nello Xinjiang. Le Nazioni Unite hanno affermato che anche i membri non musulmani potrebbero essere stati interessati dalle questioni del rapporto.

Gli Stati Uniti e i legislatori di molti altri paesi hanno precedentemente denunciato le azioni della Cina nello Xinjiang come un genocidio.

Il rapporto è stato tratto in parte da interviste con ex detenuti e altri che hanno familiarità con le condizioni in otto centri di detenzione.

Ha affermato che le descrizioni delle detenzioni sono state contrassegnate da schemi di tortura e altri trattamenti crudeli e disumani e ha affermato che le accuse di stupro e altre violenze sessuali sembrano credibili.

“La portata della detenzione arbitraria e discriminatoria di membri di uiguri e di altri gruppi prevalentemente musulmani … nel (il) contesto di restrizioni e privazione più in generale dei diritti fondamentali … può costituire crimini internazionali, in particolare crimini contro l’umanità”, il relazione ha detto.

L’ufficio per i diritti ha affermato di non poter confermare le stime secondo cui un milione o più di persone sono state detenute nei campi di internamento nello Xinjiang, ma ha aggiunto che è “ragionevole concludere che si sia verificato un modello di detenzione arbitraria su larga scala” almeno tra il 2017 e il 2019.

Pechino ha chiuso molti dei campi, che ha chiamato centri di formazione e istruzione professionale, ma centinaia di migliaia di persone rimangono in prigione, molte con accuse vaghe e segrete.

La valutazione delle Nazioni Unite afferma che le notizie di un forte aumento degli arresti e di lunghe pene detentive nella regione suggeriscono fortemente un passaggio all’incarcerazione formale invece dell’uso dei campi.

Il rapporto chiedeva alla Cina di rilasciare tutte le persone detenute arbitrariamente e di chiarire dove si trovassero coloro che sono scomparsi e le cui famiglie stanno cercando informazioni su di loro.

L’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani Michelle Bachelet ha affermato di aver ricevuto pressioni da entrambe le parti per pubblicare – o non pubblicare – e ha resistito a tutto, pur sottolineando la sua esperienza di compressione politica durante i suoi due mandati come presidente del Cile.

Il suo annuncio a giugno che il rapporto sarebbe stato pubblicato entro la fine del suo mandato di 4 anni, il 31 agosto, ha innescato un’ondata di campagne di back-channel, comprese lettere della società civile, dei civili e dei governi su entrambi i lati della questione.

“Ad essere del tutto onesti, la politicizzazione di questi gravi problemi di diritti umani da parte di alcuni stati non ha aiutato”, ha affermato Bachelet, che all’inizio ha manifestato il desiderio di collaborare con i governi.

I critici avevano affermato che la mancata pubblicazione del rapporto sarebbe stato un evidente segno nero sul suo mandato.

Agnès Callamard, segretaria generale di Amnesty International, ha affermato: “L’inescusabile ritardo nella pubblicazione di questo rapporto getta una macchia” sul record dell’ufficio per i diritti umani delle Nazioni Unite, “ma questo non dovrebbe deviare dal suo significato”.

 

 

 

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere