06 Dic, 2022

Ultimi Articoli

Ue. Von der Leyen, con gasdotto Grecia-Bulgaria cambia la situazione della sicurezza energetica

- Advertisement -

AgenPress – La Bulgaria ha aperto un collegamento per il gas naturale con la Grecia durante una cerimonia sabato alla presenza del leader del braccio esecutivo dell’Unione europea, che ha sottolineato la determinazione del blocco a smettere di fare affidamento sulle importazioni di energia russe.

Intervenendo a una cerimonia a Sofia, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha salutato l’oleodotto come un importante contributo alla limitazione delle opportunità per la Russia di utilizzare le sue riserve di gas e petrolio per ricattare o punire l’UE.

“Questo gasdotto cambia la situazione della sicurezza energetica per l’Europa. Questo progetto significa libertà”, ha detto von der Leyen a un pubblico che includeva capi di stato e di governo della regione.

La Commissione europea ha impegnato quasi 250 milioni di euro per finanziare il progetto. È stato lanciato nel 2009, in un momento in realtà, quando la Bulgaria è stata duramente colpita dalla decisione di Gazprom fermare i flussi di gas attraverso l’Ucraina. Ci è voluta molta determinazione per raggiungere l’obiettivo”. 

“Oggi inizia una nuova era per la Bulgaria e per l’Europa sudorientale. La Bulgaria riceveva l’80% del gas dalla Russia”, “prima che Putin decidesse di lanciare una guerra atroce contro l’Ucraina e una guerra energetica contro l’Europa”.

“Sia qui in Bulgaria che in tutta Europa persone stanno subendo le conseguenze della guerra della Russia. Ma grazie a progetti come questo, l’Europa avrà abbastanza gas per l’inverno”. Il progetto, ha ricordato, è sul tavolo da oltre dieci anni.

L’importanza del gasdotto Grecia-Bulgaria, che è stato completato a luglio, è notevolmente aumentata dopo che Mosca ha deciso di trasformare le sue forniture di gas naturale in un’arma politica.

Un secondo gasdotto europeo è entrato in funzione sabato quando il carburante è fluito attraverso il nuovo Baltic Pipe, che è stato costruito per trasportare il gas dai giacimenti norvegesi del Mare del Nord attraverso la Danimarca e attraverso il fondo del Mar Baltico fino a una stazione di compressione nella Polonia nordoccidentale. La sua piena capacità dovrebbe essere raggiunta l’anno prossimo.

Funzionari polacchi, danesi e norvegesi hanno aperto martedì l’oleodotto nel nord della Polonia, sottolineando il suo ruolo per l’indipendenza della regione dal gas naturale russo.

La Russia ha ridotto in modo significativo alcune delle sue forniture di gas all’Europa per dimostrare la sua opposizione alle sanzioni imposte dall’UE per la guerra in Ucraina. Inoltre, le enormi perdite di metano di questa settimana dovute al sabotaggio sui due gasdotti sottomarini Nord Stream tra Russia e Germania hanno esacerbato le preoccupazioni sulla salvaguardia dell’approvvigionamento energetico dell’Europa.

Alla fine di aprile, la Russia ha interrotto le forniture di gas a Bulgaria e Polonia dopo aver rifiutato la richiesta di Mosca di pagare le consegne in rubli, la valuta russa. A giugno, la Bulgaria ha ordinato l’espulsione di 70 diplomatici russi, scatenando una rabbiosa risposta da parte di Mosca.

“Le persone in Bulgaria e in tutta Europa stanno subendo le conseguenze della guerra russa. Ma grazie a progetti come questo, l’Europa avrà abbastanza gas per l’inverno”, ha detto von der Leyen. “L’Europa ha tutto ciò di cui ha bisogno per liberarsi dalla nostra dipendenza dalla Russia. È una questione di volontà politica».

Il condotto di 182 chilometri (115 miglia) va dalla città greca nord-orientale di Komotini, dove si collega all’oleodotto transadriatico, fino a Stara Zagora nella Bulgaria centrale. I piani prevedono una capacità iniziale di 3 miliardi di metri cubi di gas all’anno e la prospettiva di un futuro ampliamento a 5 miliardi di metri cubi.

L’esecutivo bulgaro del progetto, Teodora Georgieva, ha affermato che il gasdotto aiuterebbe a rifornire altri paesi dell’Europa sudorientale.

“Abbiamo l’opportunità di fornire gas ai Balcani occidentali, per garantire forniture a Moldova e Ucraina”, ha affermato Georgieva.

Progettato dall’inizio degli anni 2000, il Baltic Pipe ha ricevuto il via libera nel 2016 sotto il governo di destra della Polonia, che vuole rendere il paese completamente indipendente dalle fonti energetiche russe.

L’intera rotta offshore è lunga 275 chilometri (170 miglia). L’espansione in Danimarca consiste in un gasdotto di circa 210 chilometri (130 miglia), una nuova stazione di compressione e l’ampliamento di un terminale di ricezione. Il progetto ha ricevuto il sostegno finanziario dell’UE.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere