09 Dic, 2022

Ultimi Articoli

Ue. Michel, dobbiamo ospitare i russi che fuggono. Putin inasprisce le pene per chi si rifiuta di combattere

- Advertisement -

AgenPress – L’Unione europea dovrebbe consentire l’ingresso di cittadini russi che cercano di fuggire dal paese.

Lo ha detto Charles Michel, presidente del Consiglio europeol’UE dovrebbe, in linea di principio, “ospitare coloro che sono in pericolo a causa delle loro opinioni politiche”.

Parlando dopo l’incontro di questa settimana dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York, Michel ha affermato che i paesi dell’UE dovrebbero “cooperare e coordinarsi molto rapidamente” in seguito all’annuncio di “mobilitazione parziale” di Vladimir Putin.

“Se in Russia le persone sono in pericolo a causa delle loro opinioni politiche, perché non seguono questa folle decisione del Cremlino di lanciare questa guerra in Ucraina, dobbiamo tenerne conto”.

Vladimir Putin ha firmato oggi diversi emendamenti al codice penale del paese, rendendo più severe le punizioni in tempo di guerra per vari reati.

In base agli emendamenti, pubblicati sabato sul portale legale del governo, crimini come il rifiuto di eseguire gli ordini di un alto ufficiale durante la guerra, durante un conflitto armato o operazioni di combattimento – o il rifiuto di partecipare a operazioni militari o di combattimento durante tali periodi – possono comportare pene detentive fino a 10 anni.

“La legge federale introduce anche la responsabilità penale per il personale militare per la resa volontaria, così come la responsabilità penale per il saccheggio durante la legge marziale, in tempo di guerra o in condizioni di conflitto armato o operazioni di combattimento”, secondo una dichiarazione del Cremlino sugli emendamenti. 

La punizione per i condannati alla reclusione per aver commesso reati particolarmente gravi può ora essere sostituita dal lavoro forzato o da un altro tipo di punizione più mite solo dopo che sono stati scontati almeno due terzi della pena detentiva, afferma la dichiarazione del Cremlino. 

Il presidente russo ha anche firmato una legge che punirebbe la violazione dei termini di un contratto statale nel campo della difesa dello stato, soprattutto se tale violazione ha causato un danno allo stato per un importo almeno pari al 5% del prezzo del contratto e almeno 5 milioni di rubli (circa $ 86.000), nonché il mancato rispetto del contratto. 

L’esenzione dalla punizione è possibile “se le violazioni vengono eliminate volontariamente”, afferma la dichiarazione del Cremlino.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere