30 Set, 2022

Ultimi Articoli

Ucraina. Tre mesi nelle carceri russe. Un medico racconta le torture e le morti atroci dei compagni di prigionia

AgenPress – Un medico ucraino volontario tenuto prigioniero per tre mesi dalle forze russe nella città portuale di Mariupol assediata in Ucraina ha detto ai legislatori statunitensi di aver cullato e confortato i compagni di prigionia mentre morivano di tortura e ferite trattate in modo inadeguato.

Yuliia Paievska, che è stata catturata dalle forze filo-russe a Mariupol a marzo e trattenuta in luoghi mutevoli nel territorio alleato russo nella regione ucraina di Donetsk, ha parlato con i legislatori con la Commissione per la sicurezza e la cooperazione in Europa, meglio nota come Commissione di Helsinki , un’agenzia governativa creata in parte per promuovere il rispetto internazionale dei diritti umani.

I suoi resoconti di giovedì sono stati i suoi resoconti pubblicamente più dettagliati del suo trattamento in cattività, in ciò che gli ucraini e i gruppi per i diritti internazionali affermano sono detenzioni diffuse sia di non combattenti ucraini che di combattenti da parte delle forze russe.

Conosciuta dagli ucraini con il soprannome di Taira, Paievska e la sua cura dei feriti di Mariupol durante i quasi sette mesi di invasione russa dell’Ucraina hanno ricevuto l’attenzione globale dopo che le riprese del suo bodycam sono state fornite all’Associated Press.

“Sai perché ti facciamo questo?” ha chiesto un russo a Paievska mentre la torturava, ha raccontato alla commissione. Ha detto al pannello la sua risposta a lui: “Perché puoi”.

Sono emerse descrizioni brucianti delle sofferenze dei detenuti. Un bambino di 7 anni è morto  perché non aveva l’attrezzatura medica di cui aveva bisogno per curarlo. 

Sessioni di tortura di solito avviate con i loro rapitori che costringevano i prigionieri ucraini a togliersi i vestiti, prima che i russi iniziassero a insanguinare e tormentare i detenuti, ha detto.

Il risultato sono stati alcuni “prigionieri in cella che hanno urlato per settimane e poi sono morti per le torture senza alcun aiuto medico. Quindi in questo tormento dell’inferno, le uniche cose che provano prima della morte sono abusi e ulteriori percosse”.

Ha continuato, raccontando il bilancio tra gli ucraini imprigionati. “Il mio amico a cui ho chiuso gli occhi prima che il suo corpo si raffreddasse. Un altro amico. E un altro. Altro.”

Paievska ha detto di essere stata presa in custodia dopo essere stata fermata durante un controllo di routine dei documenti. Era stata una delle migliaia di ucraini che si credeva fossero stati fatti prigionieri dalle forze russe. Il sindaco di Mariupol ha detto che solo 10.000 persone della sua città sono scomparse durante quello che è stato il lungo assedio russo di quella città. È caduta in mano ai russi ad aprile, con la città quasi distrutta dai bombardamenti russi e con innumerevoli.

Prima di essere catturata, Paievska aveva registrato più di 256 gigabyte di strazianti filmati in bodycam che mostravano gli sforzi della sua squadra per salvare i feriti nella città isolata. Ha fornito il filmato ai giornalisti dell’Associated Press, l’ultima squadra internazionale a Mariupol, su una minuscola scheda dati.

I giornalisti sono fuggiti dalla città il 15 marzo con la tessera incastrata all’interno di un tampone, portandola attraverso 15 posti di blocco russi. Il giorno successivo, Paievska fu presa dalle forze filo-russe. Giovedì i legislatori hanno riprodotto il video dell’AP del suo filmato.

Paievska in precedenza aveva rifiutato di parlare in dettaglio ai giornalisti delle condizioni di detenzione, descrivendola solo in generale come un inferno. Ha deglutito pesantemente a volte giovedì mentre testimoniava.

Il governo ucraino afferma di aver documentato quasi 34.000 crimini di guerra russi dall’inizio della guerra a febbraio. Anche la Corte penale internazionale e 14 paesi membri dell’Unione europea hanno avviato indagini.

La Missione di monitoraggio dei diritti umani delle Nazioni Unite in Ucraina afferma di aver documentato che i prigionieri di guerra in custodia russa hanno subito torture e maltrattamenti, nonché cibo, acqua, assistenza sanitaria e servizi igienici insufficienti.

La Russia non ha risposto alle accuse. Sia le Nazioni Unite che la Croce Rossa internazionale affermano che è stato loro negato l’accesso ai prigionieri.

Paievska, che ha detto di aver sofferto di mal di testa durante la sua detenzione a causa di una commozione cerebrale causata da una precedente esplosione, ha detto ai legislatori di aver chiesto ai suoi rapitori di farle chiamare suo marito, per fargli sapere cosa le era successo.

“Hanno detto: ‘Hai visto troppi film americani. Non ci sarà nessuna telefonata’”, ha raccontato. I suoi aguzzini durante la sua detenzione a volte la spingevano ad uccidersi, ha detto. “Ho detto no. Vedrò cosa succede domani”. 

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere